I pericoli della medicina difensiva


La medicina difensiva, che moltiplica esami e ricoveri per evitare noie giudiziarie ai camici bianchi, "porta inevitabilmente all'esclusione dei malati difficili. E fa guadagnare solo le assicurazioni dei medici, e i loro avvocati".

Maurizio Maggiorotti, presidente dell'Amami (Associazione dei medici accusati ingiustamente di malpractice), commenta l'indagine commissionata dall'Ordine dei medici della Provincia di Roma sulla medicina difensiva in Italia. Una ricerca che ha evidenziato che l'87,6% dei camici bianchi ieri teme di finire davanti a un tribunale per una denuncia o un esposto di un proprio paziente.

"I risultati dell'interessante indagine presentata ieri a Roma - dice Maggiorotti all'ADNKRONOS SALUTE - sono concetti che noi andiamo ripetendo dal 2002. Se è vero che uno dei drammi della medicina difensiva sono i costi - spiega - è ancora peggiore la conseguenza di cui nessuno parla. Cioè il fatto che prima o poi, per la paura di mettere le mani su un paziente a rischio, i medici smetteranno di curare i malati con un indice di insuccesso alto". Maggiorotti fa l'esempio dell'Illinois, lo Stato Usa "dove non si trova più un neurochirurgo.

Ma - prosegue - le esclusioni potrebbero anche riguardare le protesi all'anca di un malato obeso, diabetico e iperteso". Accanto a questo inquietante risvolto, continua il presidente dell'Amami, "ci sono poi tutti quei soggetti che lucrano su questo clima di caccia alle streghe". In prima fila "le assicurazioni, che aprono una pratica di sinistro per assistito anche quando la denuncia è una sola, ed è stata notificata a decine di medici. In questo modo - afferma - aumentano le richieste di risarcimento, che però non corrispondono ai reali numeri degli atti medici sospettati di malpractice.

Ma nel frattempo l'elevato numero di pratiche assicurative giustifica l'aumento delle polizze. E' un gioco al massacro - accusa Maggiorotti - a cui si aggiunge il sicuro vantaggio per gli avvocati, per le associazioni a tutela dei diritti dei malati e, solo qualche volta, per i pazienti realmente danneggiati. Di sicuro - conclude - gli unici che ci perdono sempre e comunque sono i medici".


Pagina pubblicata il 24 settembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo