Rete ospedaliera ferma agli anni '30


"Che in Italia occorra una profonda revisione del Ssn è un dato inequivocabile. Magari iniziando dalla riorganizzazione dell'assetto ospedaliero, adatto alla medicina degli anni Trenta, non sicuramente alla medicina degli anni 2000".

Parola di Stefano Biasioli, presidente della Cimo-Asmd, che commenta così l'intervento di ieri del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, al Congresso nazionale Fimmg (Federazione italiana dei medici di medicina generale) in corso a Villasimius (Cagliari).

"L'intervento del ministro - sottolinea Biasioli in una nota pubblicata sul sito web della Cimo - è stato certamente di spessore. Di spessore perché Sacconi è un politico navigato e ha le idee estremamente chiare, anche in sanità. Rispetto al suo discorso non si possono però non formulare alcune osservazioni. Ad esempio - spiega - che i bilanci in rosso di alcune Regioni siano dovuti esclusivamente alla mancata chiusura dei piccoli ospedali, come ha ripetutamente affermato il ministro, non è né vero né scontato.

I medici ospedalieri, a proposito, sottolineano le responsabilità della politica nell'aver voluto mantenere un assetto organizzativo ospedaliero datato e obsoleto". Sullo scottante tema della chiusura delle piccole strutture ospedaliere, il numero uno della Cimo avanza una proposta. "La chiusura dei piccoli ospedali - aggiunge - dovrebbe essere preceduta e non seguita da un'analoga rete territoriale, affidata unitariamente ai medici di famiglia e ai medici specialisti.

Solo così si può garantire al cittadino la reale copertura delle cronicità, con affidamento alle cure ospedaliere solo per le improvvise acuzie". Per Biasioli, un altro problema da affrontare è senz'altro quello "dell'assenza di norme legislative e contrattuali che risolvano gli enormi problemi legati alla zona grigia tra territorio e ospedale". Un tema, secondo il presidente della Cimo, assente nel discorso di ieri del ministro.

"Diciamo chiaramente a Sacconi che il problema non è criminalizzare settori diversi della medicina, rendendoli responsabili dello sfascio economico di alcune Regioni, ma è quello di trovare regole chiare, e senza equivoci, fra i tre soggetti responsabili della gestione e dell'assistenza sanitaria: Stato, Regioni, Sindacati". Per Biasioli è arrivato quindi il momento di scelte decise. "O la politica sceglierà questa strada - conclude - oppure i mondi della medicina convenzionata e della medicina dipendente saranno destinati a rimanere distanti anni luce, nonostante la buona volontà dei sindacati di categoria".

Pagina pubblicata il 12 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo