Specializzandi contro doppia contribuzione


Medici specializzandi al fianco dell'Enpam per evitare la mannaia che sta per abbattersi sugli stipendi dei camici bianchi in formazione. Rischiano il 25 per cento in meno in busta paga a causa della doppia contribuzione obbligatoria, una dipendente dall'Enpam e l'altra dall'Inps. All'istituto di previdenza, secondo una circolare Inps del primo ottobre scorso, dovrebbero devolvere non più la quota in forma ridotta del 16 per cento, bensì quella intera del 24,7 per cento.

Ma gli specializzandi, fanno sapere Sims e Federspecializzandi dopo un incontro con i vertici dell'Enpam, non ci stanno. "Non si ritengono fondati - spiegano in una nota congiunta - i contenuti della Circolare" finita sotto accusa, "che mira a tagliare del 25 per cento il già basso stipendio degli specializzandi". E "diffidano, dunque, le amministrazioni periferiche delle università dall'applicare la predetta aliquota massima in assenza di eventuale comunicazione ufficiale proveniente dal Miur. Informano i colleghi medici in formazione di aver dato mandato ai legali di riferimento di promuovere un ricorso nelle opportune sedi giuridiche, laddove le amministrazioni periferiche applicassero la predetta circolare Inps.

A tal proposito - aggiungono - si invitano i colleghi interessati a contattare le scriventi associazioni di categoria". Le associazioni ringraziano il presidente dell'Enpam, Eolo Parodi, "che sta difendendo la causa dei medici in formazione nella logica della centralità per gli specializzandi della contribuzione Enpam e in nome dell'unicità della categoria". Sono pronte dunque "ad avviare una mobilitazione congiunta, qualora non andasse a buon fine il percorso tecnico-politico avviato in collaborazione con l'Enpam".

Gli specializzandi mirano a un "percorso di modifica legislativa, più volte auspicato, per giungere a un inquadramento previdenziale esclusivo dei medici specializzandi all'Enpam, rimuovendo così il 'peccato originale' di essere stati inquadrati nella gestione separata Inps". 

Pagina pubblicata il 20 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo