Sud in ritardo sulle palliative


Sul fronte delle cure palliative l'Italia si presenta nettamente divisa e il divario nord-sud si fa sentire in maniera sensibili.

Dalla Lombardia alla Calabria la rete di hospice diventa sempre più a macchia di leopardo e il numero di posti letto scende progressivamente fino a raggiungere lo 0,10 ogni 10 mila abitanti in Campania. Tutto questo nonostante i fondi messi a disposizione dalla legge Bindi del '99.

A tracciare lo scenario delle cure palliative in Italia è Franco De Conno, direttore dell'Associazione europea di cure palliative (Eacp). "Il divario Nord-Sud esiste ed è ancora forte", ha spiegato ieri durante un incontro a Milano.

"Ma i soldi sono stati messi a disposizione. La legge Bindi ha stanziato 211 milioni di euro. In alcune aree questi finanziamenti sono stati utilizzati, in altre invece non è successo niente". Fra le regioni italiane ci sono ancora quelle 'orfane' di cure palliative, sottolinea De Conno: "Sardegna, Calabria, Basilicata - elenca - e non si capisce come mai ci sia questa disparità".

In molte zone del Centro-Sud anche l'assistenza domiciliare integrata stenta a decollare, ma è soprattutto la bassa presenza di hospice a influire sui bassi consumi di oppioidi che si registrano. "E' chiaro - conferma De Conno - che se ci sono meno operatori sanitari specialisti e meno strutture di cure palliative, dove la prescrizione degli oppioidi non è un problema, i consumi di farmaci ne risentono e, in questo caso, soprattutto quelli di oppiacei".

La crescita del numero di hospice in Italia è accelerata negli ultimi sette anni. Secondo il primo Rapporto nazionale (realizzato in partnership tra Società italiana di cure palliative, Fondazione Isabella Seragnoli e Fondazione Floriani, con il patrocinio del ministero della Salute), nel 2007 le strutture già attive erano 147, per un totale di 1.200 posti letto. Entro il 2008 si potrebbe sfondare il tetto dei 200 hospice.

E secondo i dati di programmazione forniti dalle Regioni, si potrebbe raggiungere il traguardo dei 243 entro il 2011. Nel 2008 sarà l'Emilia Romagna ad avere il primato per posti letto destinati alle cure palliative, con un indice di 0,70 su 10 mila, in linea con il livello indicato come ottimale dai pallativisti (0,60 su 10 mila). Fra i nodi da sciogliere c'è quello dell'assistenza domiciliare integrata: in molte regioni, infatti, si registrano dei vuoti. Solo il 15% degli hospice fa parte di unità che forniscono anche cure domiciliari, ambulatoriali e di ospedalizzazione diurna. Il 60% non prevede invece alcuna forma di assistenza domiciliare.



Pagina pubblicata il 30 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo