Il Lazio stabilizzi i precari


"La Regione Lazio dovrebbe procedere alla stabilizzazione dei medici precari con il medesimo rigore e con la stessa puntualità con la quale vengono aumentati gli stipendi dei direttori regionali e di dipartimento".

A chiederlo è Paolo Marotta, del Sindacato medici italiani (Smi) del Lazio, critico con l'aggiornamento dei salari, stabilito dalla Regione, a favore dei manager della sanità laziale. "Professionisti - spiega Marotta - che guadagnano già 140-200 mila euro l'anno, a fronte di medici di famiglia a cui viene corrisposta una quota pari a 3,50 euro lordi al mese a paziente. Una quota a dir poco vergognosa".

"La Regione Lazio - sottolinea in una nota Marotta - ha aggiornato l'aumento degli stipendi dei direttori regionali del 7,6% (da 144.337,47 a 155.249,19 euro) e dei direttori di dipartimento del 7,6 % (da 196.176,98 a 211.068,87) in riferimento a un adeguamento previsto nel periodo 2001-2005. Invece, per quanto riguarda i medici del servizio di continuità assistenziale era prevista, dal 2000 ad oggi, una stabilizzazione lavorativa senza costi aggiuntivi per la Regione.

E' facile vedere come si siano applicati due pesi e due misure. Per lo Smi, la Regione dovrebbe invece impegnarsi nel processo di stabilizzazione dei medici precari. "Soprattutto - spiega Marotta - tenendo conto dell'attuale fase economica sfavorevole e della legge regionale 14 del 2008 che prevede, per tutti i precari, addirittura la smobilitazione".

Lo Smi del Lazio chiede inoltre di approfondire le dichiarazioni di Alfredo Pallone, coordinatore regionale e capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio. "Pallone - afferma Marotta - ha dichiarato che nel 2007 furono inseriti in bilancio 3 milioni di euro, ripartiti tra le Asl di Roma e provincia, da destinare a quei progetti, concordati con le organizzazioni sindacali, che avrebbero dovuto contribuire al contenimento delle liste di attesa.

Che fine hanno fatto i soldi stanziati? Quali i risultati ottenuti dal questo stanziamento e, soprattutto, quali le sigle sindacali coinvolte?", vuole sapere il sindacato. 

Pagina pubblicata il 16 dicembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti