Palliative domiciliari poco diffuse


Sono 300 mila gli italiani che necessitano di cure palliative. Ma solo un malato su 5 (il 20 per cento) viene trattato a domicilio; il restante 80 per cento muore in hospice o in ospedale, oppure tra le mura domestiche, ma senza un'assistenza adeguata.

Per promuovere le cure palliative a casa, scendono in campo i medici di famiglia della Simg (Società italiana di medicina generale), insieme agli specialisti della Sicp (Società italiana di cure palliative). Invertire la tendenza attuale è possibile, assicurano in coro.

Si può e conviene, perché curare un malato terminale a domicilio costerebbe al Ssn 60-80 euro al giorno, contro 200-250 euro in hospice e ben 350 euro in ospedale. Attore protagonista delle cure palliative in casa è proprio il medico di famiglia, la cui competenza in materia di terapie di fine vita viene promossa da un sondaggio condotto all'interno di un progetto Simg-Sicp, e presentato ieri a Milano.

"L'indagine ha raggiunto telefonicamente 1.489 medici di famiglia scelti a campione in 10 regioni italiane - spiega Pierangelo Lora Aprile, responsabile nazionale Simg per l'Area cure palliative e medicina del dolore - Il tasso di risposta è stato altissimo (88 per cento)", e i risultati sono in gran parte "confortanti".

Il 40 per cento degli intervistati conosce gli obiettivi primari delle cure palliative, il 60 per cento sostiene la necessità di un piano di cura individuale e il 92 per cento sa, in linea con le direttive Oms, che non esistono limiti alla dose massima di morfina. Soprattutto, il 93 per cento si dice pronto a gestire un malato terminale a domicilio.

A patto però di essere affiancato da un'equipe ad hoc che comprenda l'esperto palliativista, l'infermiere professionale ed eventualmente lo psicologo. Sulla preparazione dei camici bianchi di famiglia in fatto di cure palliative c'è tuttavia un neo: "Il 30 per cento le confonde ancora con le terapie antidolore - dice Lora Aprile - cruciali, ma solo il primo passo di un approccio globale".


Pagina pubblicata il 03 dicembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo