Sanità, a rischio trattativa su convenzioni


Si è di nuovo arenata la trattativa per il rinnovo delle convenzioni dei medici del territorio (medici famiglia, guardia medica, specialisti ambulatoriali, 118). E rischia lo stop. La convinzione è del Sindacato dei medici italiani (Smi).

Dopo l'incontro di ieri tra associazioni di categoria e Sisac, in cui non si sono fatti passi avanti, e in attesa della riunione di ieri del Comitato di settore su eventuali aumenti delle quote Enpam a carico delle Regioni, lo Smi denuncia, infatti, che "dopo una lunga fase di contrattazione la parte pubblica sta mostrando il suo volto più intransigente e dogmatico".

"La trattativa fino ad ora ha avuto fasi alterne - ha sottolineato Salvo Calì, segretario nazionale Smi - ma c'è stato sempre uno spiraglio di mediazione.
La novità di queste ultime settimane è una profonda rigidità della parte pubblica. E' grave che si voglia avviare il radicale rinnovamento della sanità territoriale senza alcun investimento economico e culturale di rilievo, come una materia così importante richiederebbe. La logica è sempre la stessa: risorse poche e tutti gli oneri sulle spalle dei medici".

Questa filosofia, secondo lo Smi, è stata alla base di tutto il dibattito sulle forme organizzative strutturali e funzionali della medicina generale. E sempre in questa ottica "si inserisce anche la proposta di alzare l'ottimale a 1.300 pazienti (numero di assistiti per ciascun medico di famiglia), ben sapendo che tale decisione chiuderebbe l'accesso a tutta l'area dell'assistenza primaria per molto tempo.

Una scelta del genere potrebbe risolvere il problema dei medici minimalisti, ma i giovani colleghi che terminano ora, e nei prossimi anni, il corso di formazione si vedrebbero relegati al solo ed esclusivo servizio di Guardia medica per il prossimo quinquennio. Inoltre, a questo punto la forbice tra questo parametro e il massimale (1500) è talmente ridotto che la libertà di scelta del cittadino rimane solo uno slogan".

Pagina pubblicata il 18 dicembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo