2010, SSN rischia voragine da 10 MLD


La spesa sanitaria italiana continua a crescere, e più rapidamente del prodotto interno lordo (Pil). "Al punto che nel 2010 la forbice tra finanziamento statale e spesa rischia di aprire una voragine da 10 miliardi"

E' da allarme rosso l'avvertimento degli economisti del Ceis, il centro per gli studi economici e finanziari della facoltà di economia dell'università Tor Vergata della Capitale, che ieri mattina a Roma hanno presentato il loro VI Rapporto sanità 2008.

La spaventosa differenza tra finanziamento e spesa per il Ssn "dovrebbe essere colmato dalle Regioni con recuperi di efficienza, o inasprendo la compartecipazione dei cittadini. O tagliando i servizi". Un quadro ben poco edificante anche alla luce delle numerose Regioni con i conti in affanno.

E che suona minaccioso per i portafogli degli italiani. In base ai dati, infatti, "già oggi i cittadini pagano di tasca propria un gran numero di prestazioni sanitarie, che influiscono pesantemente sulla gestione economica delle famiglie. Sono 349.180 le famiglie del Belpaese - prosegue il Rapporto - che nel 2006 si sono impoverite per le spese sanitarie impreviste di cui si sono dovute far carico.

Un numero pari all'1,5% del totale e a cui se ne aggiungono 861.383 (il 3,7%) che hanno dovuto fare i conti con 'spese catastrofiche' che hanno prosciugato le proprie risorse". In questo quadro il richiamo degli economisti è, ancora una volta, alle possibili conseguenze nefaste di un federalismo che non pensi a un "ridimensionamento ben calibrato del modello di compartecipazione". Altrimenti, ammoniscono, "si rischia di inasprire le differenze già evidenti tra servizi sanitari regionali".

"Parlare di equità e uniformità - prosegue il Rapporto Ceis 2008 - è difficile anche allo stato attuale: a partire dalla spesa sanitaria le Regioni registrano dati fortemente diversificati, che confermano la netta divisione tra Nord e Sud. Se la media nazionale pro capite è di 1.744 euro - continua il documento - Trentino Alto adige, Lazio e Valle d'Aosta hanno una spesa superiore a 1.970 euro, mentre in Basilicata e Calabria la cifre scende sotto i 1.600". Macro differenze anche sulla specialistica ambulatoriale.

"Nonostante vi sia una sostanziale omogeneità nei ticket applicati nelle Regioni italiane, non viene garantita equità perché l'adozione di nomenclatori tariffari differenti comporta una diversa incidenza di costi sui pazienti", aggiungono gli economisti.

Le preoccupazioni sull'equità del sistema sono condivise dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi. "Abbiamo un sistema sperequato al suo interno con realtà diverse a seconda della latitudine. Occorre - dice - organizzare un modello di servizi integrati di tipo sociosanitario di prima scelta. Il federalismo fiscale - aggiunge - se riuscirà a promuovere equità sarà un vero successo".

Tornando al rapporto Ceis, nel periodo 2000-2006 "circa i due terzi delle Regioni sono intervenute riducendo sia la percentuale di strutture che quella dei posti letto. Casi estremi il Veneto (-42,1% delle strutture e -15,4% dei posti letto) e Friuli Venezia Giulia (-8,3% e -21,1% rispettivamente). In controtendenza il Molise, con un +22,2% di strutture e +16,6% di posti letto". Il documento, spiega Federico Spandonaro, docente di economia all'università di Tor Vergata di Roma, "delinea luci e ombre.

Non c'è - dice - l'auspicabile riduzione dell'impoverimento e delle spese catastrofiche per le famiglie. L'imminente crisi - aggiunge - si rifletterà negativamente sul sistema sanitario con conseguenze sulle famiglie 'fragili'. Di contro - continua - si fanno passi in avanti sul federalismo e speriamo che le Regioni con i conti in rosso riescano a rientrare dal deficit. E per fortuna va avanti la riduzione delle strutture sanitarie marginali e dei posti letto, seppure in maniera disomogenea"

Pagina pubblicata il 27 gennaio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo