Interrogazione sugli embrioni abbandonati


Un'interrogazione al ministro della Salute Maurizio Sacconi, per comprendere quale futuro attenda i cosiddetti embrioni abbandonati, ovvero quelli prodotti in sovrannumero prima dell'entrata in vigore della legge 40 e a cui i genitori hanno rinunciato.

A depositarla i senatori Marco Perduca e Donatella Poretti (Radicali-Pd), che ricordano come questi embrioni, "dopo un censimento realizzato dall'Istituto superiore della sanità, dovevano essere inviati all'ospedale Maggiore di Milano perché fossero crioconservati e destinati alla ricerca".

"Oggi, a distanza di 5 anni e con un nuovo Governo Berlusconi - chiede Poretti in una nota - si sta prefigurando un nuovo destino per questi embrioni? Di sicuro c'è un decreto non applicato se non nello sperpero di denaro pubblico, e ci sono annunci del sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella di non voler tener conto del decreto in vigore, schierandosi per una soluzione alternativa come quella della possibile loro adottabilità.

E la ricerca scientifica? Attualmente - scrive la senatrice - la necessità della ricerca è passata in secondo piano e il decreto ha avuto applicazione solo per elargire i finanziamenti previsti: 50 mila euro ricevuti dall'Iss per realizzare il censimento di 2.527 embrioni abbandonati, e 400 mila euro a favore dell'ospedale Maggiore di Milano, con 230 mila per la creazione dell'area di criobiologia, 96 mila per spese di materiale e software e 74 mila per spese di personale".

Ecco perché al ministro Sacconi Perduca e Poretti chiedono "quali provvedimenti intenda prendere nei confronti del sottosegretario Roccella, che dichiara di non tenere conto del Decreto del 4 agosto 2004, che prevede un consenso scritto o tacito per l'abbandono degli embrioni da parte della coppia". 

Pagina pubblicata il 13 gennaio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo