Le proporzioni della spesa sanitaria


"Il 60% alla medicina del territorio, il 40% a quella ospedaliera". E' questa la proporzione ideale per rimettere in sesto la spesa sanitaria italiana e renderla virtuosa. A definire le dimensioni di spesa per il servizio sanitario che verrà, nelle intenzioni del Governo, è il ministro del Welfare Maurizio Sacconi intervenuto ieri mattina a Roma alla presentazione del VI Rapporto Sanità 2008 del Ceis dell'università di Tor Vergata.

"Il modello lo abbiamo già davanti agli occhi, seppure con sfumature diverse - spiega il ministro - e cioè la sanità delle Regioni virtuose: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana". Sacconi ricorda come un punto di svolta sia stato "nel 1972 la chiusura degli ospedali generalisti e marginali. Da lì - assicura - è iniziato il percorso della buona sanità trevigiana che io conosco". Quello della chiusura dei piccoli e marginali ospedali per potenziare la medicina del territorio, continua Sacconi, "è un processo inevitabile che servirà non per tagliare servizi e bisogni ai cittadini, bensì per liberare risorse mal impiegate e migliorare il servizio sanitario attraverso l'assistenza sul territorio, più vicina ai bisogni del cittadino, e la creazione di grandi ospedali altamente specializzati". Il ministro riconosce al precedente Governo di aver "saputo controllare la spesa farmaceutica convenzionata, meno quella ospedaliera.

Ma, in questo modo - aggiunge - si tiene sotto controllo solo il 14% dell'intera spesa del Ssn. E il resto?", chiede alla platea di economisti ma anche di manager di Asl e ospedali. La leva per innescare il processo virtuoso, rivela poi, "è il federalismo fiscale che in gran parte si misura proprio con la sfida della sanità. In quest'ottica - continua - dobbiamo spostare la spesa sui costi standard e non su quella 'storica'".

Sulla definizione di questi parametri Sacconi è chiaro: "Guai a noi se scegliessimo criteri eccessivamente analitici. Dobbiamo scegliere criteri di sintesi, ovviamente mitigati dalla pesatura demografica delle differenti Regioni. Se ce l'hanno fatta le Regioni virtuose - aggiunge - potranno farcela anche le altre. E il loro sforzo contribuirà a migliorare la coesione nazionale".


Pagina pubblicata il 27 gennaio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti