L'emendamento fa già paura


Non è ancora legge ma fa già paura ai clandestini. L'emendamento targato Lega Nord al pacchetto sicurezza, che elimina il principio di non segnalazione alle autorità per gli immigrati irregolari che si rivolgono a una struttura sanitaria, è già uno spauracchio, ancor prima di essere approvato, ammesso che lo sia, dall'Aula del Senato.

Scesi in due mesi - ovvero da quando si è cominciato a parlarne - "di ben il 30%" gli accessi degli immigrati alle strutture sanitarie, quelle realizzate ad hoc per loro, "ma anche pronto soccorso e corsie degli ospedali". Lo assicura Foad Hodi, fisiatra e presidente dell'Associazione medici stranieri in Italia (Amsi), a margine della conferenza stampa dove un gruppo di associazioni capitanate da Medici senza frontiere ha lanciato un appello ai senatori per convincerli a bocciare la misura, alla vigilia del voto sull'emendamento, in programma il 3 febbraio a Palazzo Madama.

"La diminuzione di stranieri irregolari nelle strutture sanitarie - spiega Hodi - perché è aumentata la paura, con conseguenze che minano la salute pubblica di tutti noi, nessuno escluso". "Si rischia una clandestinità sanitaria - gli fa eco Salvatore Geraci, presidente della Società italiana di medicina delle migrazioni (Simm) - con ripercussioni pesanti sulla salute collettiva. E' un emendamento inutile, dannoso e pericoloso.

Inutile perché non raggiunge i suoi obiettivi: non farà diminuire il numero di irregolari presenti sul territorio ma renderà ancora più complessa la loro situazione. Creerà, inoltre, dei percorsi paralleli al Ssn con maggiori rischi per la sicurezza, oltre che costi per la sanità pubblica, perché queste persone raggiungeranno gli ospedali solo quando le loro condizioni di salute saranno degenerate". "Ecco perché - raccomanda Kostas Moschochoritis, direttore in Italia di Medici senza frontiere - invito tutti a sottoscrivere l'appello ai senatori affinché stralcino questo emendamento che potrebbe avere conseguenze gravissime sulla sanità pubblica, dunque sulla salute di ciascuno di noi".

Pagina pubblicata il 28 gennaio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti