MSF, portare la tbc sul tavolo del G8


I medici pensavano di averla sconfitta negli anni '70. Ma la tubercolosi (Tbc) è tornata, più forte che mai con le sue forme resistenti ai farmaci e l'alleanza letale con l'Hiv. Ancora più pericolosa perché sottovalutata, e a lungo dimenticata da politici e case farmaceutiche.

L'organizzazione internazionale Medici senza frontiere (Msf) ha una missione: riportare la malattia sotto i riflettori. Magari sul tavolo dei 'potenti' del G8. E in vista dell'incontro che si terrà in Italia a luglio, ha deciso di lanciare la campagna 'Tubercolosi: i nuovi volti di una vecchia malattia'. Il messaggio, di cui si è fatto portavoce ieri a Milano il direttore generale di Msf Italia Kostas Moschochoritis, è: "Non possiamo far finta di niente.

Servono un maggiore accesso alle cure, farmaci innovativi e test diagnostici più adeguati. E vanno estesi anche i programmi di cura della Tbc resistente, favorendo l'accesso ai farmaci di seconda linea. La cura per la Tbc, infine, deve essere integrata con quella per l'Hiv". I dati sulla patologia fotografano un'emergenza: nel mondo si registrano 9 milioni di casi l'anno, 1,7 milioni di morti e 2 miliardi di persone contagiate dal batterio, cioè un terzo della popolazione. Mezzo milione sono invece i casi di 'super-Tbc', quella multiresistente.

"La maggior parte dei casi si concentra in 22 Paesi, tutti a basso o medio reddito. E' nell'Africa subsahariana che la situazione si fa davvero critica, perché c'è anche un'alta prevalenza di Hiv", avverte Moschochoritis. Altra area problematica è il Sudest asiatico. "All'alta incidenza della tubercolosi in queste zone - prosegue - si aggiunge il fatto che spesso i sistemi sanitari non funzionano bene, e le cure sbagliate sono nel mirino per l'aumento dei casi di Tbc multiresistente".

Pagina pubblicata il 24 marzo 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo