Niente università in bando per biomedica


Il sogno di un bando unico per la ricerca biomedica? Ridimensionato per l'assenza delle università Per ora, infatti, gli atenei italiani non saranno al fianco di ospedali e Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCSS) nel 'listone' fortemente voluto dal sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio, per garantire un sistema più trasparente di assegnazione dei fondi. E ai progetti di ricerca delle università verranno assegnati i finanziamenti attraverso bandi separati, come è sempre successo finora.

Il progetto resta dunque solo sulla carta. Sebbene il sottosegretario non abbia perso le speranze di portarlo a compimento. "Io mi auguro che si riesca ad arrivare a un bando generale e che anche le università vi partecipino. Anzi, faccio appello al presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane (Crui), Enrico Decleva, affinché lo chieda al ministero dell'Istruzione, università e ricerca", ribadisce ieri a Milano, durante un incontro sull'internazionalizzazione della ricerca biomedica organizzato da due università del capoluogo lombardo, Statale e Bicocca. Per il momento infatti non sembra essere arrivata risposta sull'ipotesi del 'listone unico', al quale faranno riferimento a oggi solo ospedali e Irccs.

"E' un peccato - commenta Fazio - perché un bando unico sarebbe stato un segnale importante di discontinuità". Un segnale di attenzione ai 'talenti', incalza il sottosegretario, che si affianca per esempio alla volontà di mantenere i contatti con i cervelli italiani che hanno cercato fortuna all'estero. "L'anagrafe dei nostri ricercatori che ricoprono ruoli di rilievo in istituti stranieri è fondamentale per creare un flusso bidirezionale di comunicazione e per valorizzare i giovani meritevoli. Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha già scritto a tutte le ambasciate del mondo, allegando una mia lettera proprio per avviare questo censimento. E le informazioni stanno pian piano arrivando", conclude.

Pagina pubblicata il 30 marzo 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo