Ravasin, ddl testamento anticostituzionale


"Una legge anticostituzionale che rende carta straccia le mie direttive anticipate comunicate un anno fa, ed in particolare la mia decisione di non sottopormi all'alimentazione e nutrizione artificiale quando non sarò più in grado di nutrirmi e bere naturalmente".

Paolo Ravasin, 49 anni, malato di sclerosi laterale amiotrofica, non usa mezza termini. Si scaglia contro il disegno di legge sul testamento biologico approvato dal Senato, e in un videomessaggio diffuso ieri alla Camera durante una conferenza organizzata dai Radicali si rivolge alle massime cariche dello Stato.

L'appello di Ravasin, con un filo di voce, è al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ai presidenti della Camera Gianfranco Fini e del Senato Renato Schifani, messi in guardia dai rischi che ne deriverebbero se la Camera ad inizio maggio approvasse lo stesso testo che ha ottenuto il via libera del Senato. "Con grande tristezza - dice Ravasin - ho appreso la notizia dell'approvazione al Senato della legge, formalmente sul testamento biologico, ma sostanzialmente contro".

Testo di legge che "annulla le mie direttive anticipate e specialmente la mia decisione di non sottopormi ad alimentazione e idratazione artificiali quando non sarò più in grado di nutrirmi e bere naturalmente". Ravasin, attualmente in una clinica in provincia di Treviso, è infatti attaccato a un ventilatore artificiale che pompa aria nei suoi polmoni, ma è ancora in grado di nutrirsi attraverso una lenta deglutizione e cibi frullati.

Finchè il corpo glielo permetterà, Ravasin vuole continuare ad alimentarsi in questo modo. Ma se alla Camera passasse lo stesso Ddl, prosegue il paziente, "alimentazione e idratazione non sarebbero più rifiutabili, stabilendo per di più che le altre indicazioni non saranno vincolanti per il medico, ma solo una sorta di consiglio".

Pagina pubblicata il 21 aprile 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo