No a convezione pasticciata a punitiva


No a trattative private ed esclusive. Sì, invece, alla chiusura della parte economica e al rinvio di quella normativa a un successivo tavolo di trattativa.

Ad indicare la strada da seguire per il rinnovo delle convenzioni della medicina generale è Salvo Calì, segretario nazionale dello Smi (Sindacato medici italiani), in una lettera aperta inviata a Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg (Federazione italiana medici di famiglia). "Da quattro mesi - scrive Calì nella lettera - contestiamo con decisione e a viso aperto la preintesa del 22 dicembre.

In questi mesi - aggiunge - abbiamo continuato a invocare lo spirito unitario dell'Intersindacale, lo facciamo ancora una volta, pur sapendo della vostra richiesta di un incontro esclusivo con la Sisac. Non è più la stagione dei tavoli separati, il rinnovo della convenzione non è un 'affare privato'. Ripartiamo, invece, da una proposta che unisca la categoria: chiudiamo la parte economica, spalmiamo in più anni l'aumento della contribuzione Enpam". Proprio l'incremento dell'aliquota Enpam è uno dei punti della trattativa contestati da Calì.

"A fronte dei superiori obblighi, responsabilità e sanzioni, ai medici convenzionati della medicina generale non viene riconosciuto neanche l'incremento previsto dal tasso di inflazione programmato, già riscosso da quasi un anno dai medici dirigenti e da tutto il pubblico impiego, perché con le stesse risorse contrattuali, oltre a finanziare la riorganizzazione delle cure primarie i medici devono pagare l'incremento dell'aliquota Ente e del premio assicurativo, che l'accordo ipocritamente attribuisce alla parte pubblica.

Sicché, aggiungendo anche la parte di contribuzione (0,5%) a carico del medico, l'incremento economico si riduce a poco più della metà del 'dichiarato' 4,85%". Nel mirino di Calì anche la nuova organizzazione del lavoro. Per il segretario, "l'obbligo di adesione alle forme associative complesse comporta la chiusura degli ambulatori dei singoli medici e un'organizzazione del lavoro che la parte pubblica disegna sull'H24, sette giorni su sette, fondata, soprattutto, sul rapporto orario e sulla copertura dei turni di servizio, con buona pace della libera scelta dell'assistito, del rapporto fiduciario con il paziente e della capillarità dell'assistenza: tre grandi punti di forza del nostro Servizio sanitario nazionale".

Pagina pubblicata il 04 maggio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo