Regole certe per i biosimilari


Recepire appieno le normative comunitarie e legiferare come già fatto da altri Paesi in Europa come Francia, Spagna, Svezia e Germania sul tema dei farmaci biosimilari, prodotti simili ma non uguali ai medicinali biotech a brevetto scaduto.

E' quanto richiedono gli oncologi e i nefrologi del Lazio, intervistati per un sondaggio presentato ieri a Roma in occasione del workshop regionale "Farmaci biotech e farmaci biosimilari, specialisti a confronto", organizzato all'Istituto Regina Elena e promosso dall'Associazione degli oncologi medici italiani (Aiom), dalla Società italiana di nefrologia (Sin) e dalla Società italiana di farmaci ospedaliera (Sifo).

In alcuni Paesi europei, le nuove norme adottate impediscono al farmacista ospedaliero di sostituire con un biosimilare la prescrizione di un farmaco biotech. "Credo che una legge sui biosimilari sia necessaria anche in Italia - ha sottolineato Francesco Locatelli, past president della Sin e della Società europea di Nefrologia - dato che nell'attuale sistema sanitario, a rischio di frammentazione regionale, servirà ad assicurare una linea di comportamento unica e uguale per tutti".

"I risultati del sondaggio - ha aggiunto Francesco Cognetti, direttore dell'Oncologia medica A dell'istituto romano - parlano chiaro: gli specialisti che più utilizzano molecole biotech raccomandano di recepire appieno le normative comunitarie.

Infine, mi sembra giunto il momento che anche le nostre Istituzioni regolamentino la materia". E, secondo l'indagine, circa l'80% degli oncologi e nefrologi del Lazio condivide le regole finora adottate dagli altri Stati europei e ben il 90% è favorevole alla creazione di un tavolo di lavoro comune sui biosimilari tra Istituzioni sanitarie, rappresentanti delle aziende, società scientifiche, medici e pazienti. 

Pagina pubblicata il 05 maggio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti