Snami, convenzione sarebbe bocciata


La firma dell'accordo per il rinnovo della Convenzione dei medici di medicina generale, a oggi, sarebbe bocciata in un eventuale referendum di consultazione dei camici bianchi iscritti ai diversi sindacati.

Ne è convinto Mauro Martini, presidente del Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) che ha 'simulato' i risultati di una consultazione basandosi sui dati di consenso all'intesa già emersi nelle diverse associazioni sindacali, comprese quelle decise alla firma, nelle quali però non manca una quota di iscritti contrari all'accordo già predisposto per il quadriennio normativo 2006-2009 e il biennio economico 2006-2007.

La 'bocciatura', insomma, "si desume da una 'conta' teorica delle percentuali dei medici che appartengono a tutte le sigle sindacali della medicina generale", dice Martini. "Abbiamo conteggiato in modo empirico i contrari alla firma dell'accordo nazionale, alla luce anche dei dati ricavati dall'ultima riunione del sindacato maggioritario.

E ne sono emerse cifre interessanti: circa un 57% dei medici sarebbe contrario alla firma, contro un 43% scarso dei favorevoli. Dati alla mano, in un quadro ipotetico di consultazione referendaria, con una maggiore libertà di voto, i numeri sarebbero decisamente contrari alla firma". La conclusione è che "una cosa sono i numeri del sindacato, altro l'orientamento effettivo dei medici nel loro insieme.

Certo - continua il presidente Snami - in Italia non è a oggi attuabile un referendum sugli accordi siglati. Ma, per usare le parole del vicesegretario Snami, Pasquale Orlando, l'autoreferenzialità e la pretesa egemonica di alcuni dovrebbero essere talvolta testate nell'urna". Infine Martini chiede a chi ha le responsabilità politiche di rendersi conto dei rapporti numerici all'interno della categoria, "e cioè che esiste sì una minoranza pur significativa e legittimata a decidere, ma esiste soprattutto la voce di una maggioranza 'silenziosa' di medici che vuole ridiscutere l'impianto dell'Acn".

Pagina pubblicata il 12 maggio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo