Balduzzi: la tassa di 3 centesimi sulle bibite gassate accende le polemiche


Una tassa di scopo sulle bevande gassate e zuccherate, 3 centesimi sulle bottiglie da 33 cl farebbero incassare alla Stato ben 250 milioni di euro.

Questa è l'ipotesi allo studio anticipata dal ministro della Salute Renato Balduzzi durante la trasmissione Radio Anch'io su Radio1.

Quindi il cibo spazzatura non sarà tassato, ma ci si limiterebbe solo alle bevande.

Il ricavato, ha spiegato  Balduzzi, potrà essere utilizzato "per iniziative di rafforzamento di campagne di prevenzione e di promozione di corretti stili di vita e ad alcuni interventi mirati in campo sanitario".

Secondo il ministro, una tassa di 3 centesimi  non dovrebbe creare problemi  "né ai consumatori né ai produttori".

Al contrario, ha spiegato Balduzzi, l'iniziativa potrebbe riporartare l'attenzione sul fatto che "metà dei nostri ragazzi consuma troppe bevande gassate e zuccherate".

In effetti non va dimenticato che il consumo di bevande zuccherate rappresenta una delle cause dell'obesità infantile.

Come c'era da aspettarsi la proposta ha suscitato diverse polemiche e vede contrari produttori, commercianti  e consumatori.

Per Assobibe, associazione dei produttori di bevande analcoliche, la tassa sarebbe "immotivata, discriminatoria e pertanto inaccettabile".

I produttori sostengono che l'Italia è al penultimo posto tra i Paesi UE per consumi pro-capite e che l'apporto calorico quotidiano delle bevande analcoliche gassate è più basso del 2%.

La Fipe-Confcommercio sostiene che l'educazione alimentare deve partire dalle scuole "perché un bambino ben educato al cibo diventerà un consumatore più consapevole".

Per la Coldiretti andrebbe aumentata la quantità di frutta nelle bibite che oggi per legge contengono soltanto  il 12% di vero succo.

Anche il Codacon  boccia la proposta come una "tassa ipocrita".

In argomento:

Bibite gassate e zuccherate da bambini, cuore a rischio da grandi

12 maggio 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo