Ticket sanitari 2014, la Consulta dice di no e li boccia


I ticket sanitari previsti per l'anno 2014, che facevano parte della manovra varata dal governo nel luglio dello scorso anno, sono incostituzionali. Ha dirlo è la Consulta con la sentenza n.187 depositata ieri.

Consulta ticket

La Corte Costituzionale si è pronunciata a seguito del ricorso presentato dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Su un punto il ricorso è stato dichiarato fondato.

L'articolo 17, comma 1, lettera d del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, è costituzionalmente illegittimo.

Il testo faceva parte delle Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria ed è incostituzionale nel punto in cui prevede che le misure di compartecipazione siano introdotte "con regolamento da emanare (...) su proposta del ministro della Salute di concerto con il ministro dell'Economia e delle Finanze".

Invece la Cassazione è di parere contrario perché tali misure finalizzate al contenimento della spesa destinata alla sanità sarebbero "espressione di principi fondamentali nelle materie di coordinamento della finanza pubblica e delle tutela della salute, ambiti di competenza concorrente in cui sarebbe preclusa allo Stato l'emanazione di atti regolamentari".

Secondo la sentenza, "Le misure di compartecipazione ai costi dell'assistenza farmaceutica attengono sia ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, la cui determinazione e' riservata alla potestà legislativa esclusiva statale, sia al coordinamento della finanza pubblica e alla tutela della salute, oggetto della potestà legislativa concorrente dello Stato e delle Regioni".

Nel disciplinare il ticket la Corte ha riscontrato una "sovrapposizione di materie" è ciò rende impossibile "individuarne una prevalente, e tracciare una precisa linea di demarcazione tra le competenze".

Lo Stato quindi può "esercitare la podestà regolamentare solo nelle materie nelle quali abbia competenza esclusiva non in un caso, come quello in esame, caratterizzato da una concorrenza di competenze".

Motivo per cui la norma è illegittima proprio nel punto in cui viene previsto che le misure di compartecipazione siano introdotte "con regolamento da emanare su proposta del ministro della Salute di concerto con il ministro dell'Economia".

Ecco violato l'articolo 117, sesto comma, della Costituzione. In altre parole, lo Stato non può decidere di fissare i ticket in autonomia.

17 luglio 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo