Disabili gravissimi: terzo giorno di sciopero della fame, il governo tace


Lo sciopero della fame dei disabili gravi e gravissimi continua. Siamo al terzo giorno ma il governo non si fa sentire. Sono una cinquantina, tra cui anche alcuni  malati di Sla.

Sciopero dei disabili

Il Comitato 16 novembre onlus lo ha indetto per richiamare l'attenzione del governo affinché vari il  Piano nazionale per l'autosufficienza e destini finalmente le risorse che dovevano arrivare grazie alla legge sulla spending review.

''Abbiamo ricevuto moltissime adesione di malati - spiega  Mariangela Lamanna del Comitato 16 novembre onlus  - di associazioni e movimenti, nel silenzio più assoluto del nostro governo".

La richiesta che viene ribadita è quello di un incontro con i tre ministri competenti della materia, Balduzzi, Grilli e Fornero. L'obiettivo è quello di ottenere "un'assistenza degna di questo nome".

In gioco c'è una parte dei 658 milioni dell'art.23, comma 8 che arrivano dalla spending review e che il governo aveva promesso di destinare ai disabili gravi e gravissimi.

"Ma ad oggi vi è la mancanza assoluta di un piano organico per la non autosufficienza: si continua a procrastinare il diritto all'assistenza e si continua a giocare a rimpiattino sulla pelle dei disabili gravi e gravissimi", così spiega in una nota Giovanni Longo, presidente dell'associazione "Viva la Vita onlus Puglia", malato di Sla e tra i 50 che stanno portanto avanti lo sciopero della fame.

Nel frattempo le condizioni di salute dei scioperanti iniziano a destare preoccupazione. Lamanna ha spiegato che la riduzione dell'alimentazione, anche se graduale, abbassa i livelli della glicemia con il rischio di "gravi scompensi".

Le voci di solidarietà sono tante e gli stessi malati promettono di dare battaglia partecipando al corteo del No Monti day che si svolgerà il 27 ottobre, chi in carrozzella e chi in ambulanza.

In argomento:

Malati di Sla, inizia lo sciopero della fame contro il governo

23 ottobre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo