Malati di Sla, il governo non molla. Siamo ai limiti della civiltà


Inquieta, e non poco, la decisione del governo di ridurre i fondi dedicati all'assistenza dei disabili gravi e non autosufficienti. Se la scelta fa sorgere dubbi sul livello di civiltà di questo Paese, il comportamento del governo spinge le coscienze ai limiti dell'indignazione.

La protesta dei malati di Sla

Da alcune settimane una settantina di disabili non autosufficienti, tra cui moltissimi malati di Sla, sono in lotta per ottenere un'assistenza i cui costi non possono certamente essere lasciati a carico delle loro famiglie.

Sono persone immobilizzate, la loro vita dipende da una macchina, dall'assistenza specialistica per 24 ore al giorno e da un computer per poter comunicare emozioni e bisogni.

Hanno prima tentato di farsi ascoltare dal governo, ma inutilmente. Poi per una settimana hanno protestato con uno sciopero della fame. Cosa impensabile e rischiosa per chi è già in condizioni di salute precarie.

Finalmente il governo si accorge di loro. Il ministro Fornero telefona a Salvatore Usala, malato di Sla e segretario nazionale del Comitato 16 Novembre che tira le redini della protesta. Assicura un interessamento chiedendogli di interrompere lo sciopero. Insieme, Balduzzi e Fornero, vanno da Usala (è immobilizzato nella sua casa in Sardegna) per dirgli cosa?

Praticamente niente, impegni generici perché loro, i due ministri, possono fare poco in quanto le decisioni le prende il ministro dell'Economia.

I giornali hanno raccontato che Fornero ha addirittura pianto durante il Consiglio dei ministri quando ha scoperto che non ci sono i soldi.

Questa è l'estrema sintesi di una vicenda che sembra raccontare l'incredibile insensibilità di questo governo, anche di fronte a più elementari sentimenti di umanità.

La cosa che maggiormente turba è che i bisogni di assistenza di cittadini che vivono in queste condizioni siano oggetto dei tagli della "spending review".

Ma siamo davvero sicuri che si debba mettere in discussione un diritto del genere?

Questo è davvero diventato un Paese in cui la fredda ragioneria obbliga persone immobilizzate a letto o su una sedie a rotelle a fare uno sciopero della fame? Magari, mentre si buttano altri soldi per un ponte che non si farà mai...

Berlusconi ci faceva vergognare per molti motivi. Ma ora, questo governo fino a che punto è capace di spingersi nel prendersela soltanto con gli ultimi della terra?

Niente soldi per i malati di Sla, disabili verso una nuova protesta
Disabili gravissimi: terzo giorno di sciopero della fame, il governo tace

Disabili gravi e gravissimi, sospeso lo sciopero della fame

4 novembre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo