Disabili e gravi e malati di Sla nuovo sciopero della fame


Per i disabili gravi e gravissimi, tra i quali molti malati di Sla, i 600 euro mensili previsti dalla Legge di stabilità per l'assistenza domiciliare sono troppo pochi. "E' una vergogna", dice Mariangela Lamanna, vicepresidente del Comitato 16 novembre.

Malati di Sla con i ministri Balduzzi e Fornero

Salvatore Usala, presidente del Comitato gli fa eco e annuncia per il 21 novembre prossimo una manifestazione di protesta a Roma. Si presenteranno al ministero dell'Economia senza portare il ventilatore polmonare di scorta, "pronti a morire in diretta tv"

Così i disabili tornano allo sciopero della fame, iniziato qualche settimana fa e interrotto dopo le rassicurazioni date dai ministri Balduzzi e Fornero.

C'era voluta una settimana di sciopero, con tutti i rischi per la salute considerate le già precarie condizioni degli scioperanti, per sensibilizzare i ministri.

L'annuncio del Comitato è quello di uno sciopero della fame che inizierà con una riduzione del 50% dell'alimentazione.

I rischi della mancata nutrizione in questi pazienti sono piuttosto alti, il digiuno  abbassa i livelli della glicemia con il rischio di "gravi scompensi".

Sono 200 i milioni di euro promessi dai tecnici, ma per Lamanna non bastano per assicurare l'assistenza continua ai disabili gravi che invece richiede ben altra spesa.

200 milioni si traducono in realtà in circa 600 euro al mese pro capite, la stima invece del Comitato è che ogni famiglia dovrebbe ricevere una cifra di circa 3000 euro mensili.

"I partiti sono impegnati in una campagna anti Grillo - dice Lamanna - e intanto tutti dimenticano la disperazione e la solitudine, la vita delle persone. E' una vergogna".

Per approfondire:

Malati di Sla, il governo non molla. Siamo ai limiti della civiltà

Niente soldi per i malati di Sla, disabili verso una nuova protesta

Malati di Sla, inizia lo sciopero della fame contro il governo

14 novembre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo