Il 63% dei malati cronici italiani a rischio di licenziamento


Ciò che emerge dal XII Rapporto nazionale sulle politiche che intervengono sulle problematiche della cronicità, presentato oggi a Roma dal Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva, è un quadro preoccupante che sembra aggiungere un altro tassello negativo ad un Paese già pieno di problemi.

Malati cronici

Fra le persone che hanno una patologia cronica invalidante ben il 63% ha ricevuto segnali o avvisi di essere prossimi al licenziamento o che il loro rapporto lavorativo,  a causa delle "assenze" legate alla loro patologia cronica, rischia di non essere rinnovato.

I famigliari che invece assistono i parenti con patologie croniche hanno anch'essi, nelle percentuale del 41%, ricevuto gli stessi avvisi.

C'è inoltre una evidente difficoltà nell'usufruire di permessi retribuiti o congedi ed il 49% delle persone con patologie croniche nasconde la propria patologia sul posto di lavoro o sceglie lavori non adatti a loro per non incorrere in rischi di licenziamento.

L'indagine svolta da Cittadinanza Attiva, mostra inoltre che in media una persona con patologia cronica ed invalidante deve ogni anno affrontare spese rilevanti per l'assistenza socio sanitaria, spendendo circa 1.000 euro l'anno per poter avere visite o esami a domicilio, circa 3.800 euro per riadattare la propria casa alle nuove esigenze dovute all'invalidità ed infine circa 1.600 euro l'anno per  la cosiddetta prevenzione terziaria.

L'80% dei soggetti invalidi non riesce a pagare queste cifre e rinuncia ad una serie di  cose necessarie come l'avere una badante, l'acquisto di protesi, o di farmaci che il Sistema Sanitario Nazionale non passa.

L'indagine mostra che l'assistenza sociosanitaria costa e non si può rischiare di perdere il posto di lavoro e che il 54% dei pazienti ritiene troppo pesante o oneroso il carico assistenziale non garantito dal Servizio sanitario nazionale (SSN).

Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato e responsabile del Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici di Cittadinanzattiva, afferma che "non possiamo accettare che per fare cassa si continui a smantellare il Ssn o peggio ancora a svendere i diritti dei cittadini alla salute, al lavoro e all'inclusione sociale".

Le associazioni dei malati cronici chiedono inoltre al governo e al Parlamento di eliminare, "a partire dalla legge di stabilità in discussione", l'insopportabile misura prevista dalla legge n. 214 del 2011 e dal nuovo regolamento Isee secondo cui i trattamenti assistenziali come indennità di invalidità civile e di accompagnamento sono considerati fonti di reddito e quindi da considerare nel computo dei redditi familiari.

Chiediamo inoltre al Governo e alle Regioni - aggiunge Aceti - di avviare un confronto anche con le associazioni di cittadini e di pazienti sia sul Patto per la salute, sia sulla prossima spending review, che rappresentano le vere partite per il nostro Servizio sanitario nazionale.

Non vorremmo infatti  rischiare  che queste misure possano comportare un'ulteriore compressione delle tutele e dei diritti.

IN ARGOMENTO:

Anziani: l'assistenza dei malati cronici totalmente a carico delle famiglie

Aumentano i malati cronici, ma restano le difficoltà di accesso ai servizi

13 dicembre 2013

Pubblicità

Argomenti Correlati

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo