Non vogliamo un primario obiettore di coscienza al San Camillo, su Fb cresce la protesta


Donne attente e vigili su quello che succede intorno all'aborto. E' sufficiente il timore che al San Camillo di Roma possa arrivare un nuovo primario di ostetricia e ginecologia obiettore per scatenare la mobilitazione su Facebook.

Aborto al San Camillo

La notizia è apparsa sul Corriere della Sera online, il gruppo prende il nome di "No a un primario obiettore di coscienza al San Camillo". Aperto solo quattro giorni fa ha già superato le 2.500 adesioni e la tendenza non accenna a diminuire.

Per il momento è solo un sospetto, ma per Lisa Canitano, ginecologa e presidente di Vita di Donna Onlus, è sufficiente per avviare su Fb un'alzata di scudi preventiva.

"Per ora si tratta solo di voci – spiega Canitano – ma l'incarico ad un primario obiettore in un ospedale così importante sarebbe davvero una inaccettabile umiliazione. Preferiamo, anzi ci auguriamo, di essere smentite dai fatti".

Quindi il gruppo è stato aperto, e sono molti gli iscritti che commentano l'iniziativa. Scorrendo i post non sfugge una nutrita presenza di uomini. Come Marco che scrive "Obiettate nei vostri studi privati. Negli ospedali pubblici applicate la legge dello stato. Sennò aria!", o Denis che aggiunge: "Io sto con voi e la vostra libertà. Che questo gruppo possa continuare a crescere perché, voi donne, avete il diritto di poter scegliere".

Molti chiedendo di indirizzare una petizione al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. "L'abbiamo preparata", commenta Lisa Canitano, si trova a questo indirizzo.

"Il problema – spiega la ginecologa romana – è anche il livello di assistenza complessiva che si garantisce alle donne e alle coppie. C'è bisogno di accoglienza, professionalità e del massimo della modernità tecnologica nella diagnostica prenatale. Tutte cose che un primario confessionale non può garantire".

Il problema dell'applicazione della legge 194 è tutt'ora vivo. "La legge va ancora difesa con le unghie e con i denti", aggiunge Canitano. Nella sola Regione Lazio ci sono ospedali che non la applicano per mancanza di personale ed altri, nella stessa città di Roma, che viaggiano a scartamento ridotto".

Insomma, è questa la sintesi, da parte delle donne l'attenzione è altissima e questo consente di respingere i periodici attacchi alla Legge.

Ma la battaglia si svolge anche nel Parlamento europeo dove a marzo si affronterà un voto importante, l'approvazione della mozione Tarabella, che difende la libertà delle donne a essere madre e la loro salute.

Anche in questo caso è il timore a dettare l'agenda delle iniziative. Un timore che nasce quando nel dicembre del 2013 la risoluzione presentata dall'eurodeputata socialista Edite Estrela "salute e diritti sessuali e riproduttivi" fu bocciata per soli 7 voti: 334 contro 327. Ebbene, sei di quei voti sono stati di deputati del Partito Democratico.

Così la Laiga (Libera Associazione Italiana Ginecologi per Applicazione Legge 194/78) e Vita di Donna Onlus, al grido il Pd non deve tradire le donne, hanno indirizzato una petizione a Matteo Renzi.

IN ARGOMENTO:

L'aborto in Italia, come e dove

23 febbraio 2015

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo