USA: Tagli e restrizioni alle cure sostenibili del Medicaid

Mentre il Congresso degli Stati Uniti non è riuscito a far passare un piano definitivo per rigettare e rimpiazzare la legge per le cure sostenibili nota come Obamacare, almeno sei stati americani con governatori repubblicani stanno lavorando con l'amministrazione Trump per introdurre nuove regole di eligibilità per Medicaid, che fornisce assistenza sanitaria agli americani a basso reddito o a persone con disabilità.

 

Questi stati – Arizona, Arkansas, Indiana, Kentucky, Maine e Wisconsins – stanno elaborando piani per alzare i prezzi delle polizze, introdurre test antidroga o aggiungere requisiti lavorativi. I cambiamenti proposti diminuiranno il numero delle persone con accesso all'assistenza sanitaria sostenibile, mentre i sostenitori dicono che questo taglierà i costi crescenti del programma Medicaid.

Pubblicità


In passato sono state garantite esenzioni per testare nuovi modi di fornire assistenza ed espandere la copertura di Medicaid. Gli unici requisiti di queste esenzioni è che siano a budget neutro (nel senso che non c'è impatto positivo o negativo sugli attuali budget statali) e che promuovano gli obiettivi del programma Medicaid.

Queste vaghe definizioni di requisiti danno a Tom Price, già membro repubblicano del Congresso e attuale Segretario per I Servizi Umani e della Salute, enorme flessibilità nello stabilire il loro significato. In un drammatico capovolgimento rispetto all'amministrazione Obama, che lasciava che gli stati usassero le esenzioni per aggiungere più persone al programma Medicaid, Price e l'attuale capo dei Centri per Medicare ed i Servizi Medicaid, Seema Verma, hanno mandato una lettera ai governatori di stato dicendo che l'amministrazione Trump avrebbe consentito condizioni per le esenzioni, requisiti di lavoro e premi assicurativi più alti.

Le mozioni di rigetto dell'Obamacare al Parlamento e al Senato americani tendevano tutte a fare ampi tagli alle spese Medicaid, aggiungendo limiti ai finanziamenti federali e ponendo fine all'accrescimento di fondi federali per l'espansione della copertura. Le mozioni respinte avrebbero inoltre dato agli stati l'opzione di imporre requisiti lavorativi. Per le persone disabili che usufruiscono di Medicaid questo potrebbe rivelarsi un compito insormontabile, dato che trovare datori di lavoro disposti ad assumerli per lavori a tempo pieno è spesso difficile, nonostante le pratiche per le assunzioni non discriminatorie.

Aggiungere restrizioni con i test antidroga si è anche rivelato un modo dispendioso per limitare il numero di persone rispetto a qualunque tipo di assistenza sanitaria, con risultati concreti molto scarsi. Sette stati americani hanno in atto programmi di test antidroga per buoni pasto e sussidi di disoccupazione, e tutti gli stati tranne uno indicano una media di meno dell'uno per cento di assistiti risultati positive ai test per uso illecito di droghe. In tutto, questi programmi sono costati ai contribuenti quasi un milione di dollari, e molti ulteriori milioni previsti come spesa negli anni futuri.

Nell'insieme, queste restrizioni aggiuntive e l'aumento dei premi assicurativi sopprimeranno la partecipazione a Medicaid mentre aumenteranno i costi totali della sanità aggiungendo aggravio agli ospedali, Altre restrizioni potrebbero anche essere oggetto di potenziali cause legali, aggiungendo ulteriore carico ai contribuenti. Ancor più importante, queste regole di eligibilità, non faranno altro che recare danno ai cittadini americani più vulnerabili, impedendo loro di ottenere l'assistenza sanitaria di base che tanto necessitano.

9 agosto 2017

di Anna Maurya M.

Traduzione di Giovanni Lombardo Radice

3 settembre 2017

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo