Sanità: Boom di prescrizioni 'occulte'


Il 40 per cento non parte dal medico di famiglia Un fenomeno sempre più diffuso nelle grandi città  italiane Il paziente presenta al suo medico di famiglia la richiesta di un esame diagnostico, di una visita specialistica, di una nuova cura o addirittura di un ricovero. E il camice bianco la trascrive sul ricettario del Servizio sanitario nazionale, anche se la prescrizione non è 'farina del suo sacco'. Sono le cosiddette prescrizioni 'occulte', un fenomeno sempre più diffuso nelle grandi città  italiane, e in virtù del quale molte delle domande di accertamenti, terapie e ospedalizzazioni attribuite al medico di medicina generale 'partono' in realtà  dalla medicina di secondo livello. Secondo una ricerca osservazionale condotta da 12 medici di famiglia della Asl provinciale di Brescia, la percentuale di prescrizioni 'occulte' è pari al 40 per cento. Ma per Roberto Carlo Rossi, segretario nazionale Snami (Sindacato nazionale autonomo medici italiani), "il calcolo è prudenziale: nei grandi centri urbani - spiega l'esperto all'Adnkronos salute - le prescrizioni 'occulte' sono ben di più e forse superano il 50 per cento". L'indagine bresciana si concentra sulla diagnostica ed è pubblicata sull'ultimo numero del trimestrale 'Politiche Sanitarie'. Per sei mesi, dall'ottobre 2005 al marzo 2006, gli autori hanno classificato le loro prescrizioni in quattro categorie: esami prescritti di propria iniziativa, esami suggeriti da specialisti pubblici, esami consigliati da specialisti privati/accreditati ed esami suggeriti dagli assistiti. Su un totale di 65.471 contatti ambulatoriali medico-paziente registrati nel periodo in analisi, sono state raccolte in tutto 19.063 prescrizioni corrispondenti alle quattro tipologie sopra indicate. E se nel 60 per cento dei casi la prescrizione partiva direttamente dal medico di famiglia, nel 40 per cento risultava 'indotta': dallo specialista pubblico (19 per cento), dallo specialista privato (13 per cento) oppure dallo stesso paziente (8 per cento). Ma considerando le prestazioni di diagnostica per immagini, le più tecnologiche e costose, il rapporto svelato dallo studio bresciano si ribalta: il 40 per cento delle prescrizioni viene deciso nell'ambulatorio del medico di medicina generale, il 60 per cento in quello specialistico.


Pagina pubblicata il 05 aprile 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo