Guardia medica: basta con i presidi insicuri, è ora di una seria riforma


A chiedere una "seria riforma" della guardia medica è Domenico Crisarà , segretario nazionale della Fimmg-continuità  assistenzialeGuardia medica sempre reperibile, ma con camici bianchi che rispondono anche dal proprio domicilio, dove, se è necessario, possono anche visitare i pazienti. Basta con i presidi, troppo spesso mal dislocati e fatiscenti, che non garantiscono la sicurezza del medico. A chiedere una "seria riforma" della guardia medica è Domenico Crisarà, segretario nazionale della Fimmg-continuità  assistenziale che, a margine del congresso dello Snami in corso a Copanello di Stalettì (Cz), ha ricordato i rischi che ogni giorno corrono i medici di guardia. "L'ultimo episodio grave - ha precisato - solo qualche giorno fa in provincia di Lecce, dove sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro un presidio di guardia medica. Il fatto più tragico è che l'aggressione è avvenuta nella stessa zona dove otto anni fa fu uccisa il medico di guardia Maria Monteduro".

E' quindi anche per tutelare i camici bianchi, secondo Crisarà , "che è necessario cambiare volto a questo servizio. Per farlo i medici di guardia devono essere inseriti a pieno titolo nel servizio territoriale offerto dalla medicina generale, in un sistema cioè di cure primarie che garantisca una presenza più efficace sul territorio con l'alternanza di diverse figure professionali". Secondo Crisarà , i medici di guardia devono trasformarsi, passare da professionisti anonimi, come sono spesso considerati oggi, a camici bianchi di fiducia. "I medici - ha spiegato - devono essere identificabili e poter identificare i cittadini, con i quali devono poter instaurare un rapporto di fiducia. Basta, dunque, con il presidio. Bisogna puntare soprattutto sulla reperibilità  anche domiciliare del medico. In pratica il camice bianco può rimanere a casa sua, l'importante è garantire l'efficacia delle prestazioni, in particolare di quelle che non possono essere rimandate". E se, invece, è necessaria l'attività  di ambulatorio, questa "deve essere riprogettata e modellata sulle esigenze del territorio. Ma soprattutto non possiamo più accettare ambulatori che non garantiscono la sicurezza".

Pagina pubblicata il 18 maggio 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo