Denunciare una violenza sulla donna di Giusy Gabriele


Ho assistito alla violenza su una donna che conosco. Lui picchia Elena, Elena sta zitta e io non posso denunciarlo

violenza sessuale

di Giusy Gabriele - Direttore Generale dell'ASL Roma D

Scrivo questa lettera perché vorrei che a partire dall'articolo di Luigi Attenasio apparso martedì su Liberazione si aprisse un dibattito che possa contribuire a"cambiare il corso degli eventi". Non volendo addentrarmi in una disquisizione giuridica racconto un episodio che mi ha coinvolto.

Ero rilassata dalla mia parrucchiera quando all'esterno del locale attraverso i vetri ho visto un ragazzo che picchiava Elena (naturalmente è un nome inventato) la giovane ragazza che normalmente con grande affabilità mi lava i capelli.

C'è stata da parte di tutte le presenti una corsa nel tentativo di sottrarla a quella violenza cieca con il risultato che il "bruto" l'ha costretta ad infilarsi in macchina ed è scappato.

Dopo un dibattito tra donne, durato pochi minuti, ho avvertito la polizia, che con estrema velocità ed efficienza è intervenuta, ma purtroppo ci ha fatto sapere che, pur avendo rintracciato la ragazza, non potevano fare nulla perché per una "violenza privata" ci vuole una denuncia di parte che la nostra Elena non vuole fare, essendo l'uomo la persona con la quale ha una relazione.

Ho passato la serata in preda ad una rabbia profondissima, la mia domanda è fin troppo semplice: se avessi assistito ad un qualsiasi altro reato mi sarebbe stato permesso di denunciare? Dobbiamo accettare che la donna debba essere lasciata sola a decidere?

Quando con fiumi di parole si sostengono discutibili proposte per la sicurezza, come quelle di arrestare i lavavetri, è perché in questi casi è la nostra quiete ad essere disturbata, mentre vedere una donna picchiata non ci crea fastidio?

Forse uno spazio dedicato a questi crimini, come avviene giustamente per quanto riguarda ad esempio le morti bianche, significherebbe fare qualcosa di concreto per porre l'attenzione su questo fenomeno aberrante che lascia le donne che subiscono violenza sole e tutte e tutti coloro che vorrebbero intervenire impotenti. So bene che su questo tema il confronto tra le donne è stato lungo e complesso.

Ma, oggi, immagino che Elena non tornerà al lavoro per la vergogna ed è in balia di un uomo che magari crede di amare. Chiedo a tutte ed a tutti cosa facciamo concretamente per passare al "che fare" e prevenire che si perpetrino queste situazioni?

E, se, come cita Attenasio nel suo articolo, già Basaglia aveva identificato alcune relazioni parentali come relazioni di dominio, come facciamo a dare impulso al percorso di liberazione?

Parliamone, almeno parliamone.

Pagina aggiornata il 1 settembre 2007

Pubblicità

Argomenti Correlati

I servizi sanitari pubblici

Asl e ospedali

Consultori familiari

Elenco completo dei consultori familiari in Italia suddivisi per regione

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo