Amnesty International ai media, attacchi xenofobi: date il buon esempio


(Roma) Contro l'ondata di attacchi xenofobi scatenati in seguito alle polemiche provocate sulle misure per la sicurezza e l'omicidio di Giovanna Reggiani a Roma da parte di un giovane romeno, Amnesty International Sezione Italiana lancia un appello alle autorità  e ai mezzi di comunicazione ad assumere un "atteggiamento responsabile" dando "il buon esempio", per evitare che si ripetano le preoccupanti cacce alle streghe, di questi ultimi giorni.


Facendo proprio il richiamo all`importanza della giustizia e all`insensatezza della violenza e della vendetta, rivolto dai familiari di Giovanna Reggiani, il giorno dei suoi funerali, Amnesty in una nota stampa sottolinea "la necessità  che i rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, gli esponenti politici e gli operatori dei mezzi di informazione adottino un atteggiamento responsabile e obiettivo che stigmatizzi le responsabilità  individuali e prevenga gli attacchi xenofobi".

Lo stesso appello è rivolto ai/alle rappresentanti del Governo, del Parlamento e degli enti locali 'a non indulgere a generalizzazioni, a non alludere a responsabilità  collettive di un determinato gruppo di migranti e a non utilizzare un inaccettabile identificazione tra povertà e propensione al crimine".

"Le istituzioni e i media hanno il compito di `dare il buon esempio` e di garantire la sicurezza anche attraverso un atteggiamento chiaro e inequivocabile di rifiuto di ogni forma di violenza e di pregiudizio` - è il commento di Paolo Pobbiati, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International.

"In questo momento siamo vicini alla famiglia di Giovanna Reggiani, come a tutte le vittime di crimini e di violenza commessi nei confronti delle donne. La sua uccisione ci ricorda la necessità  che i governi adottino azioni positive per fermare la violenza degli uomini contro le donne che, in Italia, secondo i dati ufficiali colpisce, a diversi livelli, una donna su tre.

Approfittarne per esacerbare il dibattito sulle politiche migratorie significa dimenticare che tale violenza ha portata trasversale ad elementi quali la cultura, la nazionalità  e la condizione sociale e che non vi sono popoli o gruppi che possano considerarsi immuni".

La Sezione Italiana di Amnesty International, ricordando alle istituzioni che, secondo gli standard dei diritti umani stabiliti a livello internazionale e regionale, ogni espulsione deve essere adottata su base individuale e su presupposti chiaramente predefiniti e prevedere il vaglio da parte di un'autorità ' indipendente, critica il modo affrettato e reattivo con cui sono stati adottati provvedimenti di portata generale che modificano le norme relative alla permanenza sul territorio italiano e alle espulsioni dei cittadini dell'Unione europea.
(Delt@ Anno V°, N. 229

Pagina pubblicata il 08 novembre 2007

Pubblicità

Argomenti Correlati

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti