A Siena è possibile ottenere la pillola abortiva


Interruzione di gravidanza farmacologica: A Siena è possibile ottenere la pillola abortiva Mifegyne RU 486

Qui ci sono gli ospedali italiani dove è possibile eseguire l'interruzione di gravidanza con la ru486

Attenzione: il servizio a Siena è temporaneamente sospeso. E' però possibile rivolgersi in Toscana presso le seguenti strutture: Ospedale Felice Lotti, Via Roma , 151 - Pontedera - Tel. 0587273111


E' possibile rivolgersi a Siena per fare l'aborto farmacologico, anche provenendo da altre regioni d'Italia. La Regione Toscana, guidata dal Centrosinistra, consente alle donne di sottrarsi alla chirurgia. L'aborto chirurgico è più rischioso di quello farmacologico ma viene considerato "un deterrente" per le donne. Cerchiamo di sottrarci a quella che per la gerarchia cattolica è una vera e propria punizione.

RIFERIMENTI
Azienda Ospedaliera Universitaria Senese U.O.C.Ostetricia e Ginecologia - Policlinico "Le scotte" - Viale Bracci - Siena Tel. 0577/586612 - Chiedere del Servizio d'interruzione di gravidanza.

CRITERI DI AMMISSIBILITA' AL TRATTAMENTO

  • Gravidanza in utero con datazione ecografica fino a 49 giorni.
  • Certificato di richiesta di IVG come prescritto dalla legge 194/78.
  • Consenso informato, debitamente compilato e firmato.
  • Disponibilità al ricovero ordinario della durata di tre giorni.
  • Possibilità, da parte della donna, di poter effettuare la visita di controllo successiva dopo 14 giorni.

CRITERI DI ESCLUSIONE

Clinici:

  • Sospetto di gravidanza extrauterina o di masse annessiali non precedentemente diagnosticate.
  • IUD (se non rimosso).
  • Terapia corticosteroidea (cortisone) in atto da lungo tempo.
  • Insufficienza surrenalica cronica.
  • Anemia grave.
  • Disordini della coagulazione e trattamenti in corso con anticoagulanti.
  • Intolleranza o allergia al mifepristone o al misoprostolo.
  • Malattia epatica renale o respiratoria severa.
  • Ipertensione non controllata
  • Malattia cardiovascolare (angina, valvulopatie, aritmie, scompenso cardiaco).
  • Convulsioni non controlate.
  • Iperpiressia da causa non determinata.

Non clinici:

  • Persone che non comprendono le istruzioni per problemi linguistici o altre barriere.
  • Persone eccessivamente ansiose e preoccupate dallo sviluppo della sintomatologia che accompagna l'aborto (emorragie, dolori, nausee).
  • Persone che non possono ritornare ai controlli previsti.

PROTOCOLLO OPERATIVO Primo appuntamento (in regime ambulatoriale):

  • Anamnesi, visita, ecografia transvaginale di primo livello.
  • Verifica della corretta documentazione.
  • Colloqui con inclusa la descrizione del tipo di dolore crampiforme e dei sanguinamenti possibili e compilazione del consenso informato.
  • Esame emocromocitometrico e determinazione dell'emogruppo.
  • Richiesta del farmaco da parte della farmacia.

Ricovero ordinario Giorno 1:

  • Assunzione di 600 mg. di mifepristone orale
  • Pretrattamento con Immunoglobuline anti D nelle donne Rh negative.

Giorno 2 Giorno 3:

  • Visita ed ecografia per identificare le donne che avessero già abortito (atteso 2/3%).
  • Assunzione di 400 microgrammi di misoprostolo orale.
  • Periodo di osservazione di tre ore durante il quale dovrebbe abortire il 50/60% delle donne.
  • Dimissione dopo ulteriore periodo di attesa di un'ora.
  • Seconda somministrazione di misoprostolo orale per le donne che non hanno ancora abortito e successivo periodo di osservazione di tre ore + un'ora.
  • Indicazione dei farmaci sintomatici utilizzabili con particolare riferimento agli antidolorifici.
  • Consegna delle schede di rilevazione domiciliare.

Controllo dopo 14 giorni

  • Visita ed ecografia transvaginale
  • Esame emocromocitometrico.
  • Eventuale revisione della cavità uterina.
  • Completamento cartella clinica.

POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI

  • Dolori crampiformi addomaninali di tipo mestruale un pò più forti durante l'espulsione. Il 20/30% delle donne ha bisogno di antidolorifici; il 20/30% non avverte alcun dolore.
  • Mal di testa dal 2% al 30% dei casi.
  • Nausea 40/60%, vomito possono essere presenti.
  • Diarrea 10/20%, transitoria, rialzo febbrile normale fino a 38°.

CONSULTARE IL MEDICO SE:

  • La febbre è maggiore di 38°.
  • Il dolore persiste a lungo, molto forte e senza perdite.
  • Il dolore non si riduce con i farmaci.
  • Dopo l'aborto si debbono cambiare più di due assorbenti maxi ogni 15 minuti o 4 in due ore.

Si rammenta che il farmaco potrebbe non essere disponibile. Azienda Ospedaliera Universitaria Senese U.O.C.Ostetricia e Ginecologia - Policlinico "Le scotte" Viale Bracci - Siena Tel. 0577/586612 - Chiedere del Servizio d'interruzione di gravidanza.

ABORTO:

Per saperne di più:

Pagina aggiornata il 20 febbraio 2009

Pubblicità

Argomenti Correlati

Aborto

Se hai deciso di interrompere la gravidanza, qui c'è tutto quello che devi sapere. Dalla Legge 194 che regola l'aborto in Italia alle modalità per esercitare questo diritto fondamentale della donna. Spiegazioni dei due sistemi, quello farmacologico e quello chirurgico.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo