Testamento biologico. Un giudice modenese ha detto si.


Da qualche tempo era nell'aria. Illustri giuristi l'avevano indicata come una strada già percorribile per uscire dall'empasse di un dibattito legislativo nelle sabbie mobili, quello sul testamento biologico.

Oggi, la risposta arriva da Modena, per la prima volta in Italia, un giudice tutelare ha recepito, in una ordinanza, che ha valore di legge per le parti la volontà di un uomo di nominare, fin da subito, la moglie come suo amministratore di sostegno, perché faccia valere la sua volontà sulle future ed eventuali cure di fine vita, in base alle indicazioni date, oggi, in una scrittura privata.

'La novità procedurale, ha chiarito, l'avvocato Maria Grazia Schiacchetti, consiste nell'aver riconosciuto ed istituito l'amministratore di sostegno, anche se non si configura oggi la sua necessità, perché la persona in questione è in buona salute'.

L'ordinanza si esprime anche rispetto alla questione, di attualità politica, se l'idratazione e la nutrizione debbano essere o meno lasciate all'autonomia del singolo cittadino o a quella del medico e sceglie la prima ipotesi.

Inoltre, il decreto del magistrato modenese, non solo è immediatamente esecutivo, ma i sanitari dovranno attenervisi, pena l'accusa di lesioni personali. Soltanto il soggetto dichiarante, in questione, potrà, se lo vorrà, modificare le sue dichiarazioni anticipate, comunicandolo al giudice tutelare, finchè sarà in grado di intendere e volere.

'L'ordinanza, infine, dimostra che una legge sul testamento biologico potrebbe non essere più indispensabile', prosegue l'avvocatessa, ma che al contrario, 'potrebbe essere utile evitare una brutta legge, come potrebbe essere quella che lasci al medico decidere il da farsi , sottraendo così autonomia al cittadino', conclude convinta Maria Grazia Schiacchetti.

Monica Soldano

Pagina pubblicata il 06 novembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti