Ipertensione diffusa e mal curata


Un esercito di 12 milioni di italiani: a tanto ammontano i connazionali alle prese con l'ipertensione. Per loro la pressione è fuori controllo, con potenziali rischi per cervello, cuore e reni.

 

Circa l'80 per cento, ovvero 10 milioni di cittadini, è in terapia con farmaci, "ma solo il 30 per cento è curato correttamente", denuncia Francesco Fedele, direttore della scuola di specializzazione in cardiologia dell'università degli Studi di Roma Sapienza e presidente della Sic (Società italiana di cardiologia), venerdì in un incontro a Roma sul tema.

Se da un lato a incorrere nell'errore può essere lo stesso paziente, che dimentica la cura o la interrompe, stanco della consueta pasticca (difetto di compliance in gergo tecnico), a volte l'errore può arrivare anche dal medico prescrittore, "che opta per un farmaco piuttosto che per due principi attivi in combinazione". Solo il 40 per cento dei pazienti, infatti, riesce a tenere a bada la pressione in 'monoterapia', ovvero con un'unica molecola.

"Ma poiché l'ipertensione è una patologia multifattoriale - spiega infatti Fedele - per raggiungere l'obiettivo terapeutico il medico associa in genere due farmaci con meccanismi d'azione differenti e complementari, in modo da ottenere il risultato migliore in termine di efficacia e cercando di controbilanciare eventuali effetti collaterali". Circa il 60 per cento dei pazienti ipertesi, infatti, assume una combinazione di due molecole. "Il medico italiano - spiega tuttavia l'esperto - a differenza dei colleghi degli altri Paesi europei vede ridotta la sua possibilità di scelta perché, mentre nel caso delle combinazioni libere può prescrivere qualsiasi prodotto, nel caso di quelle fisse le uniche confezioni a sua disposizione sono sostanzialmente quelle con i diuretici".

"Evidenze epidemiologiche - prosegue l'esperto - cliniche, e farmacoeconomiche indicherebbero la necessità e l'urgenza di rendere disponibili, da parte del Ssn, le associazioni fisse ace-inibitori sartanici con i calcioantagonisti per il trattamento dell'ipertensione. Si tratta - prosegue Fedele - di un'ulteriore arma a disposizione del medico e del paziente per mettere fuori gioco l'ipertensione.

E' chiaro - precisa tuttavia - che la scelta della terapia va poi valutata paziente per paziente, personalizzando la cura in base alle caratteristiche dell'iperteso". Nell'incontro capitolino, gli addetti ai lavori hanno anche ricordato i risultati di uno studio internazionale, denominato 'Accomplish', che ha mostrato come la combinazione di una molecola che inibisce il sistema renina angiotensina e di un principio attivo che blocca i canali di calcio riduca del 20 per cento l'incidenza di eventi cardiovascolari in questi pazienti.

Evidenze farmacoeconomiche, inoltre, suggerirebbero che questa associazione fissa consente di ridurre il costo della terapia a carico del Ssn. Spese, del resto, destinate a salire vertiginosamente, perché l'esercito degli ipertesi conta ogni giorno nuovi 'arruolati'. "Colpa delle cattive abitudini - fa notare Fedele - di una dieta ricca di grassi, dello stress e della scarsa propensione a fare attività fisica"."Non a caso - gli fa eco Luciano Caprino, docente di farmacologia all'università Sapienza e presidente del Sifeit (Società italiana per gli studi di economia ed etica sul farmaco e sugli interventi terapeutici) - la spesa per i farmaci contro l'ipertensione è in aumento in tutti i Paesi industrializzati". E di certo il nostro non fa eccezione.

Ipertensione in gravidanza

Pagina pubblicata il 26 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo