Iss, in Italia 1 HIV+ su 4 non sa di esserlo


Italiani bocciati sul fronte Hiv. Un sieropositivo su quattro, nel nostro Paese, non sa di esserlo. Mentre aumenta il numero di donne infettate dal partner sieropositivo, nonostante fossero consapevoli che la propria dolce metà era alle prese con l'infezione. Questi alcuni dei dati dell'ultimo Rapporto del Centro operativo anti-Aids (Coa) dell'Iss, anticipati a Roma nel corso della conferenza stampa di presentazione della Campagna di comunicazione sociale 'Hivideo'. Nel nostro Paese sono stati notificati nel 2008 oltre 1.200 nuovi casi di Aids, con 1.679 diagnosi di Hiv registrate nel 2007 e un tasso di incidenza sulla popolazione pari a 6 casi ogni 100 mila abitanti. Secondo le stime, oggi in Italia vivono 151 mila persone con Hiv/Aids. E dal '96 al 2008 è praticamente triplicata la quota di persone che scoprono molto tardi di essere infetta e che nel frattempo costituiscono, a loro stessa insaputa, una possibile fonte di diffusione dell'infezione.

Non sorprendono, dunque, le stime del Coa: un quarto delle persone sieropositive non sa di esserlo e più della metà delle persone con una nuova diagnosi di Aids ignora la propria sieropositività. Dati allarmanti quelli anticipati oggi nell'incontro capitolino. La dice lunga il fatto che quasi la metà delle donne che hanno contratto l'Aids attraverso i rapporti eterosessuali è stata contagiata da partner di cui era nota la sieropositività. In pratica, si sono esposte al rischio pur sapendo che il proprio compagno era malato, probabilmente sottovalutando le possibilità di contagio e le conseguenze sulla salute.

Ed è proprio la porzione di donne con Hiv e Aids quella più cresciuta negli anni: se nel 1985 c'era un caso di Hiv femminile ogni 3,5 casi maschili, il rapporto nel 2007 è sceso a 2,5. L'Hiv-Aids, insomma, ha cambiato volto. Se una volta era la malattia dei tossicodipendenti e, in un certo senso, di chi viveva ai margini della società, oggi è prevalentemente la malattia di chi ha una vita sessuale attiva e, in special modo, eterosessuale. La proporzione di malati tossicodipendenti è, infatti, diminuita dal 69% nel 1985 all'8,6% nel 2007, mentre i casi attribuibili a trasmissione sessuale (etero e omosessuale) nello stesso periodo sono passati dal 13,3% al 73,7%, con un particolare aumento di contagio tra eterosessuali, che oggi sono il doppio di quelli tra omo e bisessuali. Da sottolineare, inoltre, che la quota di stranieri con diagnosi di Hiv è salita dall'11% del 1992 al 32% del 2007. Aumenta, infine, l'età media della diagnosi di infezione Hiv, passata da 26 anni per gli uomini e 24 anni per le donne nel 1985 a, rispettivamente, 37 e 33 anni nel 2007. 



Pagina pubblicata il 17 giugno 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti