Federanziani, priorità al vaccino stagionale


Se si continua a "focalizzare l'attenzione solo su un virus influenzale che non desta particolare preoccupazione" a cui si aggiunge "una errata informazione, sempre più incontrollata, c'è il rischio di veder triplicate le morti per le complicanze dell'influenza stagionale".

E' la convinzione del Centro Studi Sic di Federanziani, sottolineata in una nota da Roberto Messina, presidente della federazione che chiede subito l'avvio di una campagna vaccinale contro la 'normale' influenza negli anziani.

"Il fatto più grave - spiega Messina - è che si sta perdendo di vista l'obiettivo per il quale si è lavorato da decenni. Solo dopo anni e anni si è riusciti a dare una copertura vaccinale al 60-65% degli anziani su tutto il territorio nazionale. E, nonostante ciò, ogni anno per le complicanze dell'influenza muoiono in Italia, secondo i dati del ministero della Salute, ben 8.000 persone di cui l'84% (pari a 6.700 decessi) è over 65".

Per Messina "l'allarmismo che si sta creando intorno al virus A/H1N1 ha di fatto mandato fuori controllo la macchina organizzativa che ogni anno, se pur con qualche difficoltà, riusciva comunque a far vaccinare contro l'influenza stagionale gli anziani".

Federanziani ribadisce che il rischio epidemiologico pandemico va affrontato con metodo. E che lo slittamento della vaccinazione preventiva stagionale, o addirittura il mancato raggiungimento della copertura vaccinale del 65% degli anziani, "farà 'impennare', è una certezza, il saldo dei morti per complicanze", dice Messina. Morti che potrebbero triplicare, arrivando dalle attuali 8 mila a 24 mila.

E tutto questo per non aver dato "la possibilità agli anziani di vaccinarsi preventivamente, come da circolare ministeriale, sapendo perfettamente che l'influenza A/H1N1 non ha nulla a che vedere con quella epidemia che colpisce ogni anno la popolazione, e che ha come conseguenza un elevato tasso di mortalità da complicanze.

L'influenza stagionale ogni anno bussa alla porta e miete le sue vittime: il bieco ritardare e il silenzio di chi dovrebbe vigilare e prevenire affinché le morti non aumentino, dimostrano una gestione poco etica della prevenzione in Italia", conclude Messina.

Pagina pubblicata il 14 settembre 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo