RU486, finalmente anche in Italia


L'AIFA ha approvato a maggioranza, 4 contro 1, la commercializzazione della pillola RU486. Nonostante gli attacchi del Vaticano e del sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella, l'Agenzia italiana del farmaco, dopo oltre quattro ore di riunione, ha deliberato a favore della commercializzazione. La giornata è stata scandita dagli assalti provenienti dal versante cattolico. Avvisi di scomunica, di decessi causati dal farmaco, dubbi sulle procedure adottate e sui dati forniti. Tutto pur di impedire l'introduzione in Italia di un farmaco che da un decennio è utilizzato, e ampiamente sperimentato, nel resto dei paesi europei. "E' inspiegabile l'accanimento del sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella - afferma Gabriella Pacini dell?Associazione Vita di Donna - contro un farmaco usato da anni in Europa, su milioni di donne e che viene considerato un metodo sicuro ed efficace per l'interruzione della gravidanza". E ancora: "Perché proibire alle donne italiane di scegliere tra aborto farmacologico e aborto chirurgico? Quello di cui si parla oggi non è più un argomento di discussione nel resto d?Europa da un decennio, ma è un diritto riconosciuto e, per i vantaggi che presenta, è la scelta preferita dalla maggioranza delle donne che vuole fare un'interruzione di gravidanza". Ma i fulmini e le saette non hanno impedito all'AIFA di pronunciarsi a favore dell?introduzione della RU486. "La decisione dell'AIFA di registrare l'RU486 in Italia - ha commentato l'AIED - ci allinea con i paesi europei, recuperando un ritardo che ha penalizzato le donne italiane, precludendo loro una valida alternativa all?intervento chirurgico, peraltro riconosciuta sicura dall'OMS e praticata in Europa e negli USA secondo rigorosi protocolli prescritti dalla comunità scientifica internazionale" Silvio Viale, il ginecologo che ha Torino ha dato il via alla sperimentazione della RU486, si espresso in termini entusiastici: "Prima di tutto è una vittoria per le donne italiane, che da oggi sono più libere e hanno un?opportunità in più". Sul versante opposto le reazioni sono scontate. Luca Volontè (Udc) ha parlato di "pillola assassina" e di "cultura di morte". Il Vaticano, con le parole di monsignor Sgreccia, ha condannato la decisione alludendo a "pressioni politiche ed economiche" che avrebbero influenzato la decisione dell'AIFA.


Pagina pubblicata il 31 luglio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo