Al via le trattative per la nuova convenzione


Riparte oggi la trattativa per il rinnovo della convenzione di medicina generale per il biennio economico 2008 -2009. I sindacati di categoria si incontreranno con la parte pubblica alla Sisac, l'ente delegato alla contrattazione.

Una "buona notizia", secondo Massimo Cozza, segretario nazionale Fpc Cgil Medici, e Nicola Preiti, coordinatore nazionale Fp Cgil medici medicina generale, che chiedono però una "reale volontà di un rinnovo celere".

Il che significa "riconoscere a livello nazionale gli arretrati del 2008 e 2009, nella stessa misura riconosciuta alla dirigenza". Per i due sindacalisti, infatti, i problemi da affrontare sono notevoli.

"Il comitato di settore - ricordano - è in scadenza, visto che elezioni regionali sono alle porte e le problematiche poste nell'Atto di indirizzo, a partire dal nuovo assetto organizzativo della medicina generale, richiederebbero una lunga e complessa trattativa a livello nazionale e una ulteriore definizione attraverso accordi regionali. Si pensi che l'ultimo rinnovo ha richiesto due anni per scrivere solo sei articoli e che le relative trattative regionali sono quasi tutte ancora da iniziare.

Una vera riorganizzazione del settore la chiediamo da anni, e finalmente sembra che tutti (anche l'Atto di indirizzo) la ritengano indispensabile. Si rischia però di introdurre modifiche che cambiano l'assetto della medicina generale, ma in modo scoordinato e senza una logica complessiva".

"Per non parlare delle risorse dimezzate: invece del 3,2% più lo 0,8% come avviene per la dirigenza, l'incremento è in sostanza del 2%. Infatti dello 0,8% non c'è traccia e al 3,2% è sottratto l'1,2% che è rinviato agli accordi regionali.

Cioè, visto il ritmo, alle future generazioni. E come se questo non bastasse, l'informatizzazione con tutte le attività di comunicazione e i flussi informativi, con gli oneri e le attività connesse sono posti tout court sulle spalle dei medici, con la mannaia delle inique sanzioni di Brunetta.  E l'Atto specifica 'senza ricorso a risorse aggiuntive'. Insomma si confonde l'organizzazione, si aggiungono compiti, funzioni, obblighi e si tolgono soldi".

Per la Cgil medici tutto questo non sta in piedi. "Chiediamo alle Regioni - concludono Cozza e Preiti - di prendere una direzione chiara senza infingimenti: se vogliono rinnovare le convenzioni prima delle elezioni devono soltanto riconoscere a livello nazionale gli arretrati del 2008 e 2009, nella stessa misura riconosciuta alla dirigenza (3,2% + 0,8%)".

La sanità in Italia

Pagina pubblicata il 28 gennaio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo