Fiaso, l'e-health cresce con fascicolo sanitario elettronico


E' utile a tagliare gli sprechi in sanità, perché riduce le duplicazioni di analisi e prestazioni. Ma serve anche a medici di famiglia, specialisti e ospedalieri per comunicare tra loro via web accedendo istantaneamente a tutte le informazioni cliniche che riguardano l'assistito.

E se ne avvantaggia anche il paziente che, in prospettiva, potrà leggere comodamente dal proprio Pc il risultato di un'analisi e avere a disposizione tutta la storia clinica, ricette e referti compresi. 

E' il Fascicolo sanitario elettronico (Fse), in fase già avanzata di sperimentazione in quasi metà delle Regioni italiane e già, in qualche modo, utilizzato nel 43% delle Asl, nel 62% delle aziende e dei presidi ospedalieri, cioè 3 su 5, oltre che nel 19% degli ambulatori territoriali.

A fare il punto in Italia sulla diffusione di questo strumento, fulcro della sanità elettronica, è la Federazione italiana delle aziende sanitarie ed ospedaliere (Fiaso) che venerdì a Firenze ha riunito esperti italiani ed europei per valutare le prospettive di diffusione e di utilizzo del Fascicolo. 

I dati evidenziano che il fascicolo elettronico non è più uno sconosciuto per il 71% dei medici di famiglia e i pediatri di libera scelta, il 67% dei camici bianchi ospedalieri e specialisti e il 29% degli infermieri, mentre la 'copertura' trai i farmacisti è solo del 5%.

Con il Fse vengono gestite il 52% delle prestazioni specialistiche e ospedaliere, un 33% di quelle farmaceutiche e il 24% per quelle di Pronto soccorso. 

Risultati importanti ma ancora poco 'visibili' ai cittadini, visto che la nuova arma sanitaria online è ancora nella fase sperimentale del prototipo e l'accesso ai dati, salvo rare eccezioni, è al momento riservato solo al personale sanitario.

Solamente il 43% delle Regioni, inoltre, dichiara di gestire almeno una parte dei propri contenuti informativi sanitari all'interno del Fse. E con particolare prevalenza per la gestione di prescrizioni, prestazioni, referti, lettere di dimissioni, emergenza-urgenza, patologie e cronicità. Il fascicolo, però, è diffuso in modo molto difforme tra le Regioni e questa volta il Sud non arranca.

Pagina pubblicata il 17 gennaio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti