Cannabis terapeutica, la Toscana apre all'uso del buon senso


La Commissione sanità del Consiglio regionale della Toscana, presieduta da Marco Remaschi (Pd), ha approvato una proposta di legge regionale sull'uso terapeutico della marijuana, con il voto contrario di Pdl e Udc.

Si vuole consentire ai cittadini della toscana di raggiungere il livello di altri paesi, utilizzando i derivati della marijuana che in altri paesi si prescrivono normalmente per i dolori, la nausea, e non solo.

Questa proposta ha visto la partecipazione non solo di associazioni contro il dolore, ma anche di quella dei malati di sclerosi multipla. In Canada infatti viene utilizzato proprio per questa malattia.

Vediamoli, allora questi farmaci stranieri.

Il dronabinol (registrato come Marinol in USA, ma prodotto anche in Germania) e il nabilone (Cesamet), entrambi approvati per il trattamento della nausea e del vomito nelle chemioterapie antitumorali e nell'anoressia in malati di AIDS, sono cannabinoidi di sintesi, cioè fabbricati in laboratorio.

In Olanda invece si possono acquistare due prodotti a base di infiorescenze di Cannabis Sativa, il Bedrocan e il Bedrobinol.

In Canada esiste il Sativex, estratto naturale a contenuto standardizzato di THC e CBD, registrato per il trattamento del dolore neuropatico nella sclerosi multipla.

Possono già adesso essere importati se a richiederlo è un medico che compila la richiesta di importazione per quel paziente.

Perché allora tanto clamore di fronte alla proposta della Regione Toscana che sarà discussa il 2 maggio, che introduce anche in quella regione la possibilità di utilizzare farmaci a base di Cannabis, per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia e per altri usi sanitari?

Tutto in questo Paese si trasforma in un conflitto ideologico. Cose che negli altri paesi vengono regolate da leggi  discusse nelle apposite istituzioni, dagli addetti ai lavori e dalle associazioni di malati, nel nostro si trasformano un dibattito sui costumi e sulla difesa della società che altrimenti, crollerebbe se non ubbidissimo a forze che pretendono di controllare la scienza e la libertà di cura di tutti noi.

I cannabinoidi di sintesi sono usati da milioni di malati negli Stati Uniti, e in molti altri paesi i farmaci a base di marijuana sono regolarmente prescritti, con la raccomandazione di non condividerli con nessuno.

Come è giusto che sia per ogni farmaco.

Ma il vecchio spettro sesso droga e rock'n roll agita le coscienze dell'UDC e del PDL che si oppongono a che l'Italia possa uniformarsi ad altri paesi.

In questo come in altri problemi.

L'attacco all'autodeterminazione degli italiani è sempre più violento e ridicolo, privo di senso comune.

Lisa Canitano

Vita di Donna Onlus

27 aprile 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti