Farmaci, meno leggi ma non meno rigore


Meno leggi e più controlli nel settore farmaceutico? Un'ipotesi "condivisibile, fermo restando che il farmaco rappresenta un bene di salute e, come tale, va garantito". Dunque "meno leggi e meno burocrazia, purché non abbassino il livello di qualità  e sicurezza del sistema".

A parlare è il ministro della Salute Livia Turco che, nel suo intervento, risponde così all'appello di Farmindustria lanciato oggi in un convegno a Roma. Una richiesta, quella degli industriali, che punta a "un contesto legislativo e regolatorio chiaro, stabile e coerente", all'insegna della trasparenza e di maggiori controlli.

Il ministro risponde poi, e "fa propria", anche un'altra richiesta di Farmindustria: che i controlli non si limitino alla filiera del farmaco, ma siano davvero a 360 gradi su tutto il sistema sanitario. "Non si può chiedere efficienza, rigore e controllo soltanto al settore farmaceutico - afferma Turco - e non c'è dubbio che tutti gli interessati, dalle industrie alle farmacie ai distributori, siano stati finora sottoposti a regole impegnative e limiti, proprio perché nell'occhio del ciclone, data la delicatezza del 'bene farmaco'.

Ma non c'è dubbio - sostiene il ministro - che analogo sforzo vada chiesto a tutti i componenti del sistema sanitario. Dunque bisogna lavorare in un'ottica di sistema: agire su quelli che sono i centri di costo, sulla produzione di beni e servizi, sulla politica del personale, sui costi dei Livelli essenziali di assistenza (nel senso di valutare anche le loro modalità  erogative) e realizzare con grande determinazione quella riconversione, tanto evocata ma difficile da realizzare, tra assistenza ospedaliera e territoriale.

Credo - aggiunge - che questo sia il modo per promuovere l'efficienza del Ssn. Sullo snellimento della burocrazia e l'aumento dei controlli nel settore farmaceutico, Turco ricorda che il ministero della Salute e l'Aifa "sono impegnati in maniera concreta e riscontrabile", e ripercorre la 'strada' già  intrapresa in questa direzione.

A partire dalla riduzione del "peso burocratico e dei tempi lunghi nelle procedure di autorizzazione dei farmaci", che "sono migliorate - dice Turco - ma sulle quali solleciterò l'Aifa a fare ancora di più". Inoltre sta per essere recepito definitivamente, dal Consiglio dei Ministri, il nuovo Codice farmaceutico europeo e l'Italia è uno dei primi Paesi a farlo".

Pagina pubblicata il 27 novembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo