Staminali promettenti contro la sordità


Disturbi dell'udito affliggono il 10-12% degli italiani, dai bambini agli adulti, fino agli anziani. "Circa mille bimbi ogni anno nascono con sordità completa congenita, cui si aggiungono i piccoli che perdono l'udito crescendo", ricordano gli specialisti dell'Ens (Ente nazionale sordi). 

L'ente, che insieme alla Scuola di specializzazione di Audiologia dell'Università di Roma La Sapienza, ha organizzato per oggi e domani a Roma la I Conferenza nazionale sulla sordità. L'Ens unisce circa 32 mila sordi, di cui la maggior parte conosce il linguaggio dei segni, e da anni si batte per il riconoscimento di questa forma di espressione e contro ogni pregiudizio nei confronti di chi non sente.

Fino a oggi ai gravi problemi di udito si è cercato di ovviare con impianti cocleari e protesi, ma secondo gli specialisti dell'Ens queste soluzioni non bastano. "Molto promettenti sono le ricerche sulle cellule staminali, protagoniste di test sugli animali.

Si pensa che nei prossimi cinque anni si passerà ai primi studi sull'uomo". Ma da dove prendere le staminali necessarie a ricostruire la coclea danneggiata? L'idea degli specialisti dell'Ens è quella di puntare sul cordone ombelicale, e in particolare sull'esistenza alla Sapienza di una Banca specializzata nella conservazione del cordone.

"Vogliamo incentivare le ricerche mirate alle sperimentazioni con le cellule da cordone", spiegano gli specialisti. La sordità è una disabilità che non si vede, per questo se ne sottovalutano spesso la gravità e le conseguenze socio-culturali e comunicative. Che possono condurre alla discriminazione e all'emarginazione della persona sorda.

"Informazione, comunicazione, educazione, lavoro e benessere sono diritti inalienabili di tutti, e naturalmente delle persone sorde - conclude il presidente dell'Ens, Ida Collu, in una nota - Diritti per cui occorre lottare insieme, oltre ogni forma di pregiudizio".



Pagina pubblicata il 07 maggio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo