Italia avara nel finanziare la Ricerca


Trecento milioni in più per la ricerca Italia avara, anzi avarissima, quando si tratta di finanziare l'università e la ricerca. Il monito arriva dal Cun, il Consiglio universitario nazionale, che ieri ha presentato a Roma il convegno 'Università e sistema Paese: per un governo partecipato dello sviluppo', al via da domani nella Capitale. "Al sistema universitario italiano - dice Paolo Rossi, consigliere del Cun e docente di fisica all'università di Pisa - arriva circa lo 0,8% del Pil. Per cercare di avvicinarci alla media Ocse, ferma all'1,1%, proponiamo di stanziare per l'università 300 milioni di euro in più ogni anno per un quinquennio, e altrettanto per la ricerca". Un 'passettino' che servirebbe, sostiene Rossi, "almeno a non far collassare il sistema, ma a garantirgli una sopravvivenza in attesa di tempi migliori". A stupire è la sproporzione degli sforzi italiani rispetto a quelli messi in campo da altre nazioni che competono con noi sullo scenario internazionale. "La Francia - prosegue Rossi - metterà sul piatto circa 15 miliardi in 5 anni. Più o meno lo stesso la Germania. E perfino la Romania, che non può vantare certo il Pil italiano - commenta sarcastico il professore di fisica - negli ultimi 3 anni ha stanziato un miliardo di euro in più. Come se l'Italia ne stanziasse 100".

In questo periodo si parla anche dell'introduzione di un sistema di valutazione delle Università in base al quale dosare l'erogazione dei finanziamenti. Riguardo a questo punto il presidente del Cun Andrea Lenzi ha spiegato: "Noi vogliamo un sistema di valutazione. Ma che sia ragionato. La politica deve decidere quale, tenendo conto che l'università è un sistema strategico potentissimo, che nessuno vuole uccidere". In attesa che si concretizzi il sistema di valutazione dell'Anvur (l'Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario e della ricerca) "ci vuole qualcos'altro per non lasciare buchi di indirizzo". E ancora, sottolinea il Cun "la competizione tra le università non è una corsa di cavalli o un Gran premio automobilistico. Dunque va amministrata per non penalizzare l'intero sistema. Mettere gli atenei gli uni contro gli altri sarebbe un grave errore". Quanto poi al volto dell'Agenzia di valutazione, quando prenderà realmente forma, il Cun auspica che si tratti "di un ente veramente terzo, sia rispetto alle università che alla politica. E non la mano armata del ministro", conclude.

Pagina pubblicata il 22 giugno 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti