Medici a scuola di umanità


"Corsi di umanità" nelle facoltà di medicina delle università italiane. Per insegnare ai camici bianchi del futuro che "curare non significa solo somministrare farmaci", ma anche e soprattutto "parlare al malato". Perché "se gli dai coraggio, il paziente vive di più" e meglio.

Parola del medico-paziente Gianni Bonadonna, 73 anni, volto simbolo dell'oncologia italiana che, "riemerso dall'ictus", denuncia i limiti di una medicina ipertecnologica e detta la sua 'cura' nel libro 'Medici umani, pazienti guerrieri'. Il volume, scritto con Giangiacomo Schiavi del "Corriere della Sera" ed edito da Baldini Castoldi Dalai, è stato presentato ieri all'Istituto nazionale tumori (Int) di Milano dove Bonadonna è impegnato da oltre 40 anni. E da dove ha contribuito a rivoluzionare la lotta al cancro con successi riconosciuti e premiati sulla piazza mondiale.

"Da medico ho commesso anch'io i miei errori", confessa Bonadonna ai giornalisti. "La fretta", per esempio, "è una cosa terribile perché i pazienti hanno bisogno di parlare anche nell'era della tecnologia". In passato "io stesso sono stato salvato dalla penicillina", racconta, e "da allora sul fronte delle cure sono stati fatti progressi incredibili".

Ma il problema è che "oggi i medici non sono più umani". L'oncologo denuncia la crisi di "una classe medica schiacciata tra burocrazia, lottizzazione, corsa ai facili guadagni". Insieme ad altri colleghi che hanno vissuto o ancora vivono il dolore della malattia sulla propria pelle, Bonadonna ha fondato il gruppo "Dall'altra parte".

E nella sua nuova opera dà voce ai timori per un sistema universitario da ripensare. "Nelle facoltà di medicina si insegna il distacco, si ragiona col computer - scrive nel capitolo 'Esame di umanità' - L'uomo è sezionato in tanti pezzi, come in un quadro di Picasso". Col risultato che "alla scuola del malato i giovani medici arrivano impreparati".

Troppa tecnica, poco cuore. Negli ambulatori medici, come nelle corsie degli ospedali, "l'approccio al malato somiglia a quello verso una macchina in avaria": scopri il guasto e, se c'è, provi un rimedio.


Pagina pubblicata il 09 giugno 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti