Per il 51% degli italiani l?Italia fa troppo poco per la salute nel mondo


(Roma) Il 51 % degli italiani ritiene che il Governo italiano faccia troppo poco per migliorare la salute nei paesi in via di sviluppo, condizione che l?83 per cento considera necessaria per ridurre la povertà.

Per l?82 % si potrebbero ottenere migliori risultati se l?Italia coordinasse i propri interventi con gli altri paesi dell?Unione Europea. Sono i risultati del sondaggio condotto dalla rete Azione per la salute globale oltre che in Italia anche in Gran Bretagna, Francia, Germania e Spagna, in occasione del Vertice ONU sugli Obiettivi di sviluppo del Millennio (MDG, Millennium Development Goals) che si apre oggi a New York., dove i rappresentanti dei governi discuteranno di cosa fare per raggiungere gli 8 Obiettivi di sviluppo del Millennio entro il 2015, traguardo ancora lontanissimo.

Gli MDG, stabiliti dall?Onu nel 2000, costituiscono il più importante accordo quadro per lo sviluppo definito a livello mondiale. Tre MDG riguardano la salute: MDG 4, ridurre la mortalità infantile; MDG 5, ridurre la mortalità materna; MDG 6, fermare e ridurre le pandemie di HIV/AIDS, tubercolosi, malaria e altre malattie infettive.

Il sondaggio, realizzato da TNS opinion su un campione di 5.000 persone, rivela che nei 5 paesi presi in esame quasi il 40 % degli intervistati ritiene gli investimenti per la salute nel Sud del mondo da parte del proprio governo insufficienti, percentuale che sale al 53 % tra i giovani tra i 18 e i 24 anni. L?86 % ritiene che il miglioramento della salute nei paesi in via di sviluppo debba essere un obiettivo prioritario delle politiche di cooperazione dell?Unione Europea, e il 79 % considera gli interventi più efficaci se realizzati in maniera coordinata dall?UE, anziché dai singoli governi attraverso accordi bilaterali. In tutti i paesi, gli intervistati sovrastimano l?aiuto pubblico allo sviluppo erogato dal proprio governo.

L?Italia si conferma il fanalino di coda tra i 5 paesi europei, riservando alla cooperazione allo sviluppo solo lo 0,19 % del PIL nel 2007, a fronte dello 0,41% della Spagna, lo 0,39% della Francia, lo 0,36% della Gran Bretagna e lo 0,37% della Germania. ?Aumentare le risorse per la salute e coordinare meglio gli interventi è una priorità ben nota ai governi che partecipano al Vertice?, afferma Uber Alberti, presidente di CESTAS, partner italiano della rete Azione per la salute globale insieme ad AIDOS. ?È imperdonabile che, a soli 7 anni dalla scadenza degli MDG, troppi grandi attori europei restino ancorati a politiche bilaterali obsolete e deboli, che finiscono per diluire sia la qualità che la quantità degli aiuti erogati?. ?L?Obiettivo 5, la riduzione della mortalità materna, è quello su cui non si registra alcun progresso, nemmeno piccolo: 536 mila donne continuano a perdere la vita ogni anno per cause legate alla gravidanza e al parto mentre gli investimenti per la salute materna continuano a diminuire?, denuncia Daniela Colombo, presidente di AIDOS.

?Il 4 settembre il Parlamento Europeo ha adottato una Risoluzione sulla mortalità materna che tra l?altro chiede che i Governi non riducano ulteriormente, ma anzi incrementino i finanziamenti per la salute sessuale e riproduttiva, che deve diventare una priorità nell?ambito dei servizi sanitari di base?. Il Vertice ONU si chiuderà il 26 settembre. Azione per la salute globale invita il governo italiano a mantenere fede agli impegni assunti, andando oltre le dichiarazioni di principio e rivedendo i tagli al bilancio della cooperazione allo sviluppo annunciati nella prossima Finanziaria. La rete Azione per la salute globale è stata creata nel 2006 da 15 organizzazioni non governative con sede in Spagna, Italia, Francia, Germania, Regno Unito e a Bruxelles, per monitorare politiche e interventi di cooperazione allo sviluppo nel settore sanitario e sollecitare i responsabili politici a mantenere fede agli impegni assunti nelle diverse sedi internazionali, primi fra tutti gli Obiettivi di sviluppo del Millennio dedicati alla salute.

La versione integrale del sondaggio, in italiano, sarà disponibile da lunedì 22 settembre sul sito http://www.actionforglobalhealth.eu/media/home/italia.

La versione italiana del recente rapporto di Azione per la salute globale "Un aiuto in salute", e il comunicato stampa di sintesi sono disponibili all?indirizzo: http://www.actionforglobalhealth.eu/media/home/italia

Info: Azione per la Salute Globale: www.actionforglobalhealth.eu AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo ? tel. 06 6873214-196 CESTAS, Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie Appropriate Sanitarie ? tel. 051 255053
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Delt@ Anno VI, N. N. 178 del 22 settembre 2008)


Pagina pubblicata il 22 settembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti