Punti di accesso per semplificare


Punti unici di accesso ai servizi socio-sanitari per semplificare la vita dei cittadini, ridurre la burocrazia, migliorare l'integrazione tra prestazioni sanitarie e sociali e, in definitiva, garantire i livelli essenziali di assistenza (Lea), in particolare per gli assistiti più fragili.

A 'promuovere' il modello di assistenza che punta su una sola 'porta' d'ingresso al Ssn, integrato con i servizi sociali, è l' Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) che ieri, in un seminario a Roma, ha presentato uno studio sul tema che, oltre a proporre una fotografia di alcune esperienze regionali ha messo a punto un modello di riferimento, indicando i requisiti indispensabili.

La ricerca, realizzata con 8 regioni, in collaborazione con diversi attori istituzionali, è durata oltre due anni e proseguirà nel tempo per monitorare lo sviluppo di questa forma organizzativa. "Il punto unico d'accesso - ha spiegato all'ADNKRONOS SALUTE Stefano Inglese, esperto di empowerment e cure primarie dell'Agenas - è uno strumento, una modalità organizzativa per evitare che un cittadino (soprattutto quelli più anziani età, che fanno i conti con una o più cronicità, con una disabilità) sia costretto a infinite peregrinazioni per godere di tutto ciò che il servizio socio-sanitario mette a sua disposizione all'interno dei livelli essenziali di assistenza". L'auspicio di questo studio che presentiamo "è quello che si punti a unificare, sia che lo si faccia in una struttura, cioè in un luogo fisico, sia che lo si faccia come funzioni, per migliorare la qualità del servizio e della vita del cittadino", dice l'esperto.

Il lavoro dell'Agenas "è stato soprattutto quello di estrazione di un modello potenziale - ha precisato Inglese - che indicasse tutto ciò che deve essere fatto per garantire un'assistenza 'organizzata' ai cittadini. Si è puntato ovviamente sugli aspetti funzionali, perché gli aspetti strutturali sono oggi appannaggio delle singole Regioni. Abbiamo, in sostanza, cercato di mettere insieme qualcosa che fosse utilizzabile e fruibile".

La ricerca finalizzata, svolta tra il 2006 e il 2007, ha avuto una fase di sperimentazione ristretta di 4 mesi (da febbraio a maggio del 2007) durante i quali gli operatori dei Punti unici di accesso (Pua) delle Regioni coinvolte hanno compilato questionari ad hoc. Dai risultati è emersa una grande variabilità organizzativa e, al tempo stesso, è stato possibile "evidenziare alcuni possibili comuni denominatori che permetterebbero l'adattabilità di un modello unico nelle diverse realtà". In generale sulle 8 regioni che hanno partecipato alla ricognizione, circa due terzi avevano attivato Pua da più di 180 giorni e, comunque, entro 6 mesi rispetto a quanto previsto dalla programmazione regionale.

Tutti i 'punti' sono di tipo sociosanitario e offrono "una risposta ai bisogni diversificati dei cittadini, mentre i destinatari principali sono soprattutto le "persone non autosufficienti, con patologie croniche, con disabilità e un accesso anche orientato alle persone con problemi psichiatrici e con dipendenze patologiche". Si è dimostrata "grande capacità di ricerca - afferma Pier Natale Mengozzi, presidente di Federsanità Anci e consigliere dell'Agenas - grande qualità dei risultati, coinvolgimento delle migliori intelligenze che si occupano di questi argomenti.

Ma una volta che il lavoro si è fatto - in conformità alle linee guida che ci hanno fornito ministero della Salute e Conferenza delle Regioni - bisogna capire in che modo il lavoro viene recepito dalle Regioni stesse. Questo è il vero punto. Altrimenti corriamo il rischio di lavorare per nulla. L'Agenzia è strumento delle Regioni, e va usato".

Pagina pubblicata il 01 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo