Interrotta la trattativa sulle convenzioni


Si è interrotta la no stop per la trattativa per il rinnovo delle convenzioni tra Sisac, ente delegato della parte pubblica, e sindacati di medicina generale, pediatria di libera scelta, specialistica ambulatoriale e continuità assistenziale.

La seduta è stata infatti aggiornata alla prossima settimana, probabilmente a giovedì, dopo che la Sisac avrà sentito il comitato di settore delle Regioni sul punto che ha creato dissidi tra le parti: la destinazione delle risorse per il prossimo biennio, che la Sisac vorrebbe riservare alle trattative integrative regionali mentre i sindacati ne pretendono il mantenimento a livello nazionale, "perché la convenzione deve essere nazionale".

Si è trattato di uno stop 'tecnico' "non traumatico", spiega all'ADNKRONOS SALUTE Giacomo Milillo, segretario generale della Federazione nazionale dei medici di medicina generale (Fimmg), che però ammette il clima teso della trattativa. Si è infatti "vicini all'accordo per quanto riguarda il biennio 2006-2007, abbiamo trovato soluzioni condivise sia dal punto di vista economico sia normativo". Il nodo sta tutto nel 'destino' del finanziamento per il secondo biennio. "La Sisac - precisa - vorrebbe devolvere tutte le risorse, pari al 3,20 per cento dell'inflazione programmata, agli accordi regionali. E questo non è assolutamente accettabile dai sindacati". Il problema dunque è legato più al proseguimento della trattativa che non alla chiusura della contrattazione sul 2006-2007. "Ma sempre all'interno del primo biennio - aggiunge Milillo- è previsto anche un impegno per il proseguimento della trattativa".

Ed è qui, dunque, che si è arenata la discussione, conferma il Sindacato medici italiani (Smi) che sottolinea anche l'esiguità delle risorse in campo. "Diciamo da mesi: il 3,20 per cento è insufficiente - ricorda Maria Paola Volponi, responsabile nazionale Smi della medicina generale - a maggior ragione se si vuole finalmente avviare la riorganizzazione delle cure primarie". Sugli altri punti "l'incontro è stato interlocutorio", continua Volponi. C'è stato accordo, prosegue la sindacalista, sulle indicazioni che riguardano "le forme aggregative funzionali (integrazione tra le varie professionalità della medicina generale) e sulle forme erogative complesse (strutture di erogazione dei servizi, secondo le caratteristiche del territorio e le indicazioni dei medici e delle regioni).

Ma anche sulla gestione dei flussi informativi", ovvero i dati che devono essere inviati dai medici alle Asl e viceversa. "Abbiamo sospeso la discussione, invece, sugli articoli che riguardano la nuova ricetta elettronica e sul pagamento degli arretrati del primo biennio", precisa Volponi. "Anche in questa occasione - conclude - dobbiamo rilevare che in Italia si intende riformare la sanità quasi a 'costo zero', come è evidente con quel 3,20 per cento destinato alla riorganizzazione delle cure primarie.

La politica di casa nostra è ancorata a una vecchia impostazione, invece nel resto del mondo (Usa e Spagna per fare qualche esempio) si va in un'altra direzione. Quella che lo Smi auspica da sempre: nella sanità si deve investire, eliminando gli sprechi, ma aumentando le risorse. Anche per far fronte alla crisi internazionale, con risposte occupazionali di qualità".

Pagina pubblicata il 30 novembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti