Entro l'anno la bozza sui costi standard


Potrebbe arrivare "tra 15 giorni, o un mese al massimo" all'esame delle Regioni la bozza "del modello complesso di costi standard" su cui sta lavorando il Governo per la riforma, e il contenimento, della spesa sanitaria.

Lo ha anticipato ieri il sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio, intervenendo al convegno 'Linee strategiche per una nuova politica sanitaria', alla Camera dei deputati a Roma. Un appuntamento organizzato da Federanziani, che nell'occasione ha presentato il suo volume Sic-Sanità in cifre 2008.

"Dobbiamo - rivela Fazio - portare i criteri in discussione, e ancora non definitivi, al più presto alle Regioni con cui dobbiamo definire il nuovo patto per la salute. Stiamo lavorando - assicura - su ipotesi più complesse rispetto a quelle precedentemente avanzate. Sono molto ottimista". Da mesi il Governo, e il ministro del Welfare Maurizio Sacconi in testa, sta ripetendo che l'intenzione è quella di definire costi standard per mettere a regime la spesa sanitaria italiana.

E renderla uniforme sul territorio nazionale, oltre che sotto controllo. In un primo momento i costi presi a riferimento, aveva spiegato Sacconi, dovevano prendere a riferimento quelli applicati dalle Regioni considerate più virtuose: Veneto e Lombardia.

Il concetto però, spiega ora Fazio, "era volutamente grezzo. Utile a mostrare la direzione verso cui procedere. Dunque solo prime approssimazioni". Le nuove ipotesi, suscettibili di ulteriori cambiamenti prima di essere consegnate alle Regioni, prevedono una "correzione dei costi standard sulla base di sei parametri tra cui età, appropriatezza, inadeguatezza, complessità delle cure e dei Drg (i rimborsi a prestazione).

Parametri - continua il sottosegretario - che ci consentono di vedere come attualmente le Regioni che hanno Drg poco complessi e ospedalizzazioni inappropriate, possano diventare più virtuose". L'obiettivo dichiarato è quello di "mettere a sistema tutto il meccanismo. I parametri - conclude - alla fine potrebbero essere sei o anche più".

Pagina pubblicata il 03 dicembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo