Cooperative Mmg e Asl per migliorare i servizi


Le cooperative di medici di medicina generale e le aziende sanitarie aderenti a Federsanità Anci insieme per migliorare i servizi ai cittadini. A partire proprio dalla valorizzazione delle esperienze di cooperazione tra camici bianchi: sul piano dell'integrazione sociosanitaria, ma anche per aumentare la vigilanza sull'appropriatezza delle prestazioni, valutare la loro sostenibilità economica, 'misurare' i servizi offerti. Sono questi alcuni punti dell'accordo tra la Federsanità Anci, confederazione di 166 Asl, ospedali e Comuni, e l'Associazione nazionale cooperative mediche (Ancom) che rappresenta, ad oggi, quasi 10 mila medici di medicina generale riuniti in cooperative su tutto il territorio nazionale.   Il protocollo d'intesa, presentato ieri mattina a Roma, prevede la nascita di un gruppo di lavoro che avrà il compito, tra l'altro, di elaborare ed esaminare progetti da mettere in rete che consentano di migliorare la qualità dell'assistenza - attraverso prevenzione, integrazione sociosanitaria, 'misurazione' dei risultati, uso di tecnologie e delle banche dei dati clinici dei medici di famiglia - su tutto il territorio nazionale, anche guardando a esperienze oltreconfine. Un'iniziativa che parte dall'idea che la sanità federata deve comunque puntare sul rispetto delle specificità regionali e che nel prossimo futuro sarà sempre maggiore il peso dell'assistenza ai malati cronici e quindi della medicina del territorio. «L'accordo con l'Ancom - aggiunge Attilio Bianchi, vice presidente di Federsanità Anci - è uno strumento che può dare gambe all'idea di una salute capillarmente diffusa con livelli diversi di accesso alle cure a seconda della gravità delle patologie e, quindi, con una pratica dell'appropriatezza delle cure più allargata sul territorio.  Il federalismo in sanità può rappresentare una grande opportunità, una spinta a migliorare e diffondere modelli regionali che hanno dato buoni risultati sul piano dell'efficienza e della qualità dei servizi». Il nuovo scenario epidemiologico a cui siamo di fronte , con l'aumento delle patologie cronico-degenerative, induce a puntare sempre più su rapporto di alleanza e di responsabilità tra i 'decisori' e gli 'erogatori' di assistenza sul territorio, hanno spiegato gli esperti durante la presentazione del protocollo, approfondendo il confronto sul ruolo delle cooperative e la necessità di regole per il settore.  



Pagina pubblicata il 25 febbraio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo