Sanità/Lazio: Autodenuncia del primario che non lavora ma prende lo stipendio


La vicenda è inquietante e paradossale e rende l'idea di come la Regione Lazio gestisca i soldi pubblici e operi i tagli alla sanità.

Chiuso il reparto di chirurgia maxillofacciale di villa Betania, il primario, professor Scopelliti, continua a ricevere regolarmente lo stipendio di 3.200 euro netti al mese da otto mesi. Ma non lo fanno lavorare.

A denunciarlo è il primario stesso che, come riportato dal Corriere della Sera, non sopporta più una umiliazione del genere "per oltre 8 mesi mi hanno costretto a timbrare il cartellino e rimanere 6 ore e 20 minuti con le braccia conserte".

Scopelliti non è uno qualunque nel suo campo. Il medico ha cinquant'anni e al suo attivo conta 40 missioni umanitarie nei paesi in via di sviluppo.

Vanta una grande esperienza, una professionalità e una fama che travalica i confini nazionali, è infatti l'unico italiano ad essere stato invitato come relatore al Congresso mondiale di malformazioni cranio-facciali, svoltosi nel maggio dello scorso anno.

Sulla vicenda Giulia Rodano (Idv), vicepresidente della commissione sanità del consiglio regionale, e Vincenzo Maruccio, capogruppo dell'Italia dei valori, hanno annunciato un'interrogazione.

Nella nota si chiede il motivo per cui la sanità laziale paghi un luminare per non lavorare e "Quale vantaggio economico ha avuto il servizio sanitario regionale dalla chiusura del reparto, se i costi del personale sono rimasti invariati? A parità di costi, l'unica differenza è che i cittadini hanno un servizio in meno".

Nel frattempo, oltre ai 500 pazienti già operati e ancora da seguire, si è creata una lista d'attesa di altre 350 persone che attendono un intervento.

Il professor Scopelliti in questo periodo è riuscito ad operare gratuitamente 21 pazienti, tra quelli più gravi, grazie ad un protocollo d'intesa tra Casa di Cura Sanatrix di Roma e la Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo