Aborto al San Camillo, il pm apre l'inchiesta per la complicanza


ROMA - Una donna tre mesi fa decide di interrompere la propria gravidanza, in seguito a una diagnosi di malformazione e si reca per l'intervento presso il San Camillo. Dopo l'intervento di aspirazione torna a casa, come si fa nella grande maggioranza dei casi.

Nella nottata ha delle contrazioni uterine e quando si sveglia vede una grande quantità di sangue. Negli slip c'è il feto, che non è stato aspirato durante l'intervento.

La storia viene raccontata dagli studi di "Radio radio" dall'avvocato della donna.

Dopo aver trovato il feto la giovane si è recata presso il San Giovanni, dove le hanno proposto un raschiamento che ha rifiutato.  Dopo essere stata dimessa chiederà aiuto all'Ospedale Vannini, che le prescriveranno dei farmaci e una visita psichiatrica per stato d'ansia reattivo.

Il Direttore generale dell'Ospedale San Camillo, Aldo Morrone, afferma che ci saranno accertamenti per evidenziare eventuali responsabilità da parte dei sanitari.

Claudio Donadio, il Direttore dell'Unità Operativa di ginecologia e ostetricia ricorda però che ci sono delle complicanze possibili, dopo un'aspirazione, e che proprio per questo, come si fa di regola, le era stato dato un appuntamento per un controllo ecografico qualche tempo dopo.

Il Pubblico Ministero ha disposto il sequestro delle tre cartelle.

Cosa dire? Un interruzione della gravidanza per malformazione è sempre un trauma terribile per la donna, ma tutta la chirurgia ha complicanze e questa è una complicanza possibile, legata alla tecnica operatoria dell'isterosuzione, peraltro una tecnica meno invasiva e meno pericolosa del classico raschiamento.

Sbaglia chi sbatte il mostro in prima pagina aizzando le folle a prendersela con il medico che ha sbagliato.

Il medico ha fatto il suo lavoro in scienza e coscienza, come si dice, al meglio che ha potuto. E' stato eseguito un controllo ecografico post operatorio che non ha evidenziato l'embrione, probabilmente già in fase di espulsione.

E' chiaro che in questo caso al dramma di scegliere di abortire davanti a una malformazione si aggiunge il trauma della complicanza operatoria.

I medici che interrompono le gravidanze sono a fianco delle donne in questi momenti. Ma sono medici come tutti gli altri, e sono soggetti a complicanze postoperatorie, come tutti.

29 marzo 2012

Per approfondire:

Aborto. Interruzione di gravidanza. Come e dove. Il test?

Interruzione di gravidanza: i disturbi che compaiono dopo l'aborto

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo