Fumo: "Basta sigarette". Dalla LILT un CD e una nuova Campagna


(Roma) Si è svolta ieri, nell?Auditorium del Ministero della Salute, alla presenza della Ministra Livia Turco la tradizionale conferenza stampa LILT per illustrare le iniziative che Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori terrà  in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco 2007. Un problema, quello del fumo, che interessa 12 milioni gli italiani/e 'schiavi' delle sigarette, in particolar modo gli uomini.

A illustrare i dati sugli italiani/e con il vizio, è stata la Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori), durante la conferenza 'Basta sigarette'. Un'occasione anche per presentare un libretto della Lilt, che aiuterà  gli schiavi delle sigarette a dire 'basta', con piccoli trucchi da adottare per smettere. Gli effetti della 'legge Sirchia' sono stati positivi, ma non bisogna abbassare la guardia, specialmente tra le donne. Sono le donne infatti, a iniziare a fumare prima: 11-12 anni per le ragazze contro 13-14 per i ragazzi.

I fumatori sono di più nella fascia d'età ' 25-29 anni, mentre le donne con il vizio sono più numerose tra i 45 e i 49. La media delle sigarette fumate e' di 15 al giorno. Le vendite sono calate del 5,7% dall'entrata in vigore della legge anti-tabacco, e sono invece aumentati gli italiani (+10%) che frequentano locali pubblici non più inquinati. Numeri incoraggianti che però non tranquillizzano la Lilt: la lotta al fumo, infatti, deve andare avanti. Per questo motivo la Lega ha presentato il libretto con le indicazioni su "come smettere di fumare", che verrà  distribuito da volontari Lilt il 26 e il 27 maggio nelle maggiori piazze italiane, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco in calendario il 31 maggio prossimo.

L'iniziativa presentata ieri mira ad una fascia d'età ' importante, quella dei giovanissimi studenti e per questo è stata preparata non solo la guida su cosa e come fare per smettere di fumare, ma anche un pareo "più firmato al mondo" e il cd "basta basta sigaretta" (che sarà  distribuito nelle scuole elementari), con un brano composto da Alberto Testa e Antonio Martucci con musica e voce di Memo Remigi in cui i giovanissimi scolari diventano educatori a casa contro il fumo passivo da parte dei genitori con il "vizio delle bionde".

Nell?Unione Europea sono oltre 79 mila le persone che muoiono ogni anno mentre l'esposizione cronica al fumo passivo comporta per chi non fuma un aumento del rischio di cancro del 20-30% e quello di contrarre una malattia cardiovascolare del 25-30%. Il Presidente Nazionale LILT Francesco Schittulli ha ricordato l?importanza della lotta al fumo, ?nonostante i risultati incoraggianti ottenuti con la legge 3/2003 sulla P.A.?. Ma la guardia non va abbassata: gli ultimi dati continuano, infatti, a mostrare una crescita del ?fumo al femminile?. Addirittura, tra i quindicenni, le fumatrici dell?Europa occidentale superano i maschi in termini di prevalenza. "Fumare significa ridurre la vita in anni e in qualità . Più donne perché sono quelle più stressate, che svolgono più ruoli, essere la custode della famiglia ma anche svolgere attività  lavorativa. Occorre saper parlare alle donne e imparare ad essere maestre nei confronti dei propri figli", ha aggiunto il presidente della Lilt che per la campagna 2008 intende sottoscrivere un impegno coinvolgendo operatori sanitari e scolastici nella lotta contro il fumo e spazi "off smoking" negli stadi.

Livia Turco, parlando di risultati incoraggianti ha rilanciato la legge Sirchia contro il fumo, aggiungendo che è di fondamentale importanza insistere maggiormente sulla prevenzione fra i giovani e le donne". "Gli effetti prodotti dalla legge Sirchia ? per Livia Turco - sono stati positivi". Ma ora l'obiettivo deve cambiare. "Era una legge che puntava a tutelare i non fumatori dagli effetti negativi del tabacco - ha sottolineato la ministra - adesso invece bisogna insistere molto sui giovani e far capire loro quanto il fumo faccia male". Tra gli obiettivi del ministro, c'e' anche la riduzione del numero di donne con il vizio, in aumento rispetto agli uomini. "C'e' di meglio del fumo - ha insistito Turco - e le donne devono capirlo". (Delt@ Anno V°, N.114 ? 115 del 18 ? 19 Maggio 2007)


Pagina pubblicata il 18 maggio 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo